Bullismo e cyberbullismo: a Gessate si parla di adolescenza

Si è svolto sabato 24 febbraio l'incontro organizzato per parlare dei temi caldi dell'adolescenza - soprattutto in questo periodo - il bullismo e il cyberbullismo. Presenti il comitato genitori e il sindaco Giulio Sancini

A Gessate si parla di adolescenza, cyberbullismo e dipendenza

Si è svolto sabato 24 febbraio, nell’Aula Magna “F. Colombo” dell’Istituto Comprensivo “A.Faipò” il convegno dal titolo Adolescenti e Adulti- fra disagi e dipendenze, un’opportunità per dialogare, organizzato dal Comitato Genitori di Gessate, con la collaborazione del Comune e della scuola, che ha visto la grande partecipazione di genitori, insegnanti e istituzioni.

Si è parlato di adolescenza con particolare attenzione ai fenomeni del bullismo e del cyberbullismo, e di come sia possibile affrontarli con approcci e metodiche mirate. Il bullismo e il cyberbullismo – che è una derivazione malevola del bullismo in Rete – riguardano tutte quelle azioni di forza alle quali  è esposto ripetutamente un soggetto e che hanno tre caratteristiche fondamentali: l’intenzionalità, la simmetria di tipo fisico o psicologico e la sistematicità. Gli attori sono il bullo e la vittima: il primo fa valere le proprie idee attraverso la prepotenza e utilizza meccanismi non produttivi per crearsi una leadership, il secondo ha generalmente un carattere introverso, non ha amici che possono proteggerlo ed è solo.

Essere qui oggi e vedere come è stato ben organizzato questo evento che ha visto il coinvolgimento della scuola, delle famiglie e dei ragazzi ci sprona ad essere fiduciosi e a continuare a lavorare perché c’è bisogno di una conoscenza profonda e di un risveglio delle coscienze.- hanno dichiarato gli psicologi e relatori Monica Borgogno e Gabriele GramagliaLa collaborazione tra le varie realtà è fondamentale perché permette di avere gli strumenti necessari e  questi approfondimenti  danno sostegno e incoraggiamento ai genitori nel loro percorso educativo”.

La Scuola Media di Gessate e Cambiago ha attivato un’attività all’interno del progetto KEEPCALM&STOPCYBERBULLISMO che ha visto l’avvio, per tutte le classi di entrambi i plessi, di un laboratorio al quale hanno partecipato uno o due alunni per ciascuna classe. I ragazzi coinvolti sono 15 e il progetto è iniziato a metà febbraio e si concluderà intorno alla fine di marzo.

L’unica arma a disposizione per combattere questi fenomeni è la conoscenza di ciò che sono e delle tecnologie che utilizzano per veicolare messaggi e provocazioni e il nostro intento è quello di educare,  vigilare e contrastare – ha sottolineato la professoressa Laura Longaretti, docente di riferimento del progetto – Voi  ragazzi sarete gli artefici di un mondo nuovo e vi esortiamo a porre attenzione e a dimostrare resilienza. In questa avventura ci saremo anche noi adulti, perché insieme si vince!”.

Anche il preside dell’Istituto Comprensivo, Prof.Umberto Pesce, ha parole di stima e di elogio: “il primo passo fondamentale in questa opera che ci vede impegnati su più fronti è quello di diffondere la conoscenza tra gli adulti e tra i ragazzi e non mi resta quindi che ringraziare il Comitato Genitori che ha voluto confrontarsi su argomenti importanti non solo per la scuola, ma per tutta la comunità”.

Il primo cittadino, Giulio Sancini, è intervenuto a conclusione di una giornata interessante e impegnativa e ha così commentato: “Oggi abbiamo assistito a un Convegno di alto livello, organizzato da un Comitato Genitori sensibile, attento e attivo nel realizzare una rete di condivisioni tra genitori, realtà del territorio e società civile. Si è parlato di adolescenza, bullismo e cyberbullismo, argomenti non sempre facili ma esposti con chiarezza e professionalità dai relatori e che hanno fatto emergere riflessioni che hanno accomunato tutti i temi trattati: Non avere timore di sporcarsi le mani e mai banalizzare gli eventi che accadono. La presenza di tutti gli attori che entrano in scena con i ragazzi ha rafforzato ulteriormente la coesione e la volontà di esserci: i genitori, la scuola con il progetto KEEP CALM&STOP CYBERBULLISMO e l’amministrazione comunale con il ForumGiovani Gessate”.

Augusta Brambilla