VIMODRONE
IL VIVAIO SULLA PADANA POSTO SOTTO SEQUESTRO. ATTIVITÀ CHIUSA.

Dai tempi in cui era ancora solo un cantiere, l’azienda florovivaistica situata sulla Padana Superiore, era già entrata nel mirino della Polizia Locale e in seguito della Polizia Giudiziaria. Da pochi giorni, quando ormai l’impresa aveva iniziato la sua attività, l’area è stata posta sotto sequestro e il lavoro chiuso.

I primi controlli in fase di apertura del cantiere, avevano fatto emergere presunte violazioni di natura edilizia, che sono state monitorate incessantemente, fino ad arrivare al sequestro dell’area e al successivo ordine di chiusura dell’attività.

Il costante lavoro di accurato controllo, è stato portato avanti dalla sezione di Polizia Giudiziaria (Dipartimento Ambiente e Edilizia) della Procura della Repubblica di Monza, in sinergia con la Polizia Locale di Vimodrone, che con l’ausilio dei tecnici comunali sta proseguendo tutt’ora ai controlli necessari per il corretto svolgimento dell’opera nel rispetto delle leggi vigenti.

il cartello comparso sulla recinzione del vivaio chiuso
il cartello comparso sulla recinzione del vivaio chiuso