PIOLTELLO
NASCE IL SERVIZIO DI SUPPORTO PSICOPEDAGOGICO SCOLASTICO

Nella foto: da sinistra, Danovi, Cosciotti, Baldaro e Quattro psicologhe

Lunedì 13 febbraio è stato presentato il nuovo servizio di supporto psicopedagogico ai dirigenti scolastici e agli insegnanti delle scuole di Pioltello. L’incontro si è tenuto nell’aula consiliare del Comune ed è stato presidiato dalla sindaca Ivonne Cosciotti, l’assessora alla Scuola Maria Gabriella Baldaro, l’assessora ai Servizi Sociali, Famiglia e prima infanzia Antonella Busetto  ed il direttore di Azienda Futura Cristiano Canova.

“Il servizio nasce dopo un percorso di ascolto di insegnanti, presidi, famiglie e alunni per raccogliere indicazione e suggerimenti -ha spiegato la sindaca Cosciotti- Nella progettazione del servizio siamo partiti dal presupposto che, insieme al percorso formativo, sia indispensabile per i nostri ragazzi, laddove necessario, un supporto di tipo psicologico. E con uno sforzo di visione, per dare la giusta continuità, l’abbiamo programmato per tre anni, fino al 2020“.

Il servizio si rivolge ai 965 alunni delle scuole pubbliche e paritarie dell’infanzia, ai 1696 della scuola primaria, agli 896 delle secondarie di primo grado e ai 1260 ragazzi delle scuole superiori, ed il modo in cui si può usufruire del servizio è diversificato in base all’età dei ragazzi: per i più giovani il supporto psicopedagocico arriverà attraverso gli insegnanti e i genitori, mentre per gli alunni delle superiori il servizio sarà modulato sui ragazzi e sarà previsto uno spazio di ascolto dedicato, a cui potranno rivolgersi via mail attraverso il sito della scuola, nella più completa riservatezza.

Personale qualificato supporterà i docenti su casi specifici e con percorsi di formazione. I genitori invece potranno chiamare direttamente il supporto psicopedagogico per ricevere un consulto o per partecipare agli incontri pubblici, che saranno organizzati durante l’anno scolastico, su temi inerenti alle tematiche dell’educazione. Previsto anche l’avvio del Progetto Ponte, pensato per facilitare il passaggio degli alunni dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria, e di uno screening per individuare casi di disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa).

“Il nostro obiettivo è migliorare il benessere nelle scuole della città –ha aggiunto l’assessora alla Scuola, a sua volta insegnante, Gabriella Baldaro sia degli alunni, che degli insegnanti e delle famiglie, troppo spesso lasciati soli ad affrontare situazioni problematiche o che appaiono tali. Lo spirito del servizio, che non ha evidentemente caratteristiche terapeutiche, ma di prevenzione al disagio dei nostri ragazzi, potrà essere integrato, nel caso, con altri servizi che il Comune offre”.

“Contiamo di partire con gli sportelli sin da marzo – ha concluso il direttore di Azienda Futura, Cristiano CanovaAbbiamo diviso il monte ore del servizio nello stesso modo tra le scuole. Poi, in base alle esigenze e a quanto ci diranno docenti e famiglie, lo rimoduleremo sia nei tempi che nei servizi. Non escludiamo neanche, se necessario, di aumentare il numero delle ore degli interventi degli psicologi”.

Le famiglie interessate alla consulenza individuale possono telefonare alla referente di Istituto e prendere un appuntamento. La maestra Roberta Ferrari è il referente per l’Istituto Comprensivo Statale Mattei Di Vittorio, mentre per l’Istituto Comprensivo Statale Iqbal Masih è la maestra Roseliana Ronchi. L’equipe di psicologi è invece composta dalle dottoresse Monica Tresoldi (per l’infanzia), Annella Bartolomeo (primaria) Rosalba Di Lauro (secondaria di primo grado), Elisa Mordocco (secondaria di secondo grado).