VIMODRONE
PER IL CENTRO SPORTIVO PIO LA TORRE, IN ARRIVO UN BANDO DI CONCESSIONE

Eravamo a luglio quando un cittadino segnalò lo stato in cui versava il Centro Sportivo Pio La Torre (qui). Dal Comune gli addetti ai lavori spiegarono come l’estate fosse periodo di chiusura per contenere i costi, mentre da settembre si sarebbe riaperta la struttura, in tempo per i campionati e la nuova stagione. Ad oggi non è così, il centro è ancora come lo avevamo lasciato a luglio, ma è altrettanto vero però, che la situazione non solo è guardata a vista, ma è vicina ad una soluzione, e questa volta pare sia proprio quella buona.

No Banner to display

L’idea è di arrivare all’inizio della stagione 2017-2018 con il centro rimesso a punto ed adeguato alle nostre società, ridandogli la dignità che si merita, ridando ai cittadini e al territorio un luogo dove fare attività sportiva, aggregazione e crescita educativa”. spiega l’assessore Osvalda Zanaboni, che aggiunge: “Nel frattempo faremo interventi di minima come il taglio dell’erba”.  Tutto salta insomma di un anno, ma non sono solo le priorità amministrative ad aver fatto slittare la questione, ma anche e forse soprattutto, l’analisi della struttura portata a compimento dagli Uffici Tecnici, che hanno rilevato problemi di sicurezza e agibilità, nonché aspetti di non conformità con le norme vigenti.

Solo per sistemare la porzione di struttura da porre in sicurezza, l’investimento sarebbe di una portata tale da risultare inimmaginabile se interamente a carico dell’ente, che in questi mesi ha scelto di dare priorità d’investimento alle strutture scolastiche (qui). Ecco dunque la necessità di penare a qualcosa di nuovo, con un bando per la concessione, e un percorso che potrebbe ricalcare quello già battuto dalla vicina Carugate per il Palazzetto dello Sport, con un leasing costruendo, sebbene ad ora siano solo ipotesi.

La prossima ora X quindi, è fissata tra un paio di mesi al massimo, quando verrà aperto un bando per l’affidamento in concessione ad una realtà che si prenderà carico della riqualificazione strutturale in primis, e poi successivamente anche gestionale,di modo che si arrivi alla riapertura dalla stagione sportiva 2017-2018.  Aperto il bando, ci sarà poi da valutare le proposte che potrebbero anche riguardare progetti per un centro polifunzionale magari, e ci sarà da valutare quale sarà la richiesta effettiva delle società del territorio, che ad ora si sono fatte avanti in pochissime, tanto che sino allo corso anno erano principalmente le società di Cologno e Cernusco a frequentare il centro.

MAGNI GIORGIA
STEFANIA DALLA CASA