CERNUSCO
VILLA ALARI: L’ACCORDO DI PROGRAMMA C’E’. SI ATTENDE SOLO IL VIA DELLA REGIONE

Nel mese di giugno era arrivata la stretta di mano tra il Comune di Cernusco e Regione Lombardia, per le opere di ristrutturazione legate a Villa Alari, gioiellino tutto cernuschese affacciato sul Naviglio. Lo scorso 16 settembre ecco la stesura di una accordo di programma ragionato dall’ente, dalla Regione e dalla Soprintendenza delle Belle Arti e del Paesaggio, tutti chiamati in causa a Palazzo Lombardia durante la Conferenza dei Rappresentanti.

Attorno al tavolo il sindaco Comincini, il vice sindaco con delega a Villa Alari Giordano Marchetti e l’assessore al Bilancio di Regione Lombardia Massimo Garavaglia. L’accordo di programma steso dalle parti è finito sul tavolo del consiglio comunale di Cernusco, che lo ha approvato in attesa che arrivi stesso esito dalla Regione e che si proceda alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (Burl). Allora si potrà iniziare a parlare concretamente di tempi.

Questa prima parte di interventi è chiaramente solo un primo passo verso la completa messa in sicurezza e riqualificazione della Villa Alari –spiega il vice sindaco Giordano MarchettiMa era un passaggio necessario e, soprattutto, non scontato visto che da quasi un anno stiamo lavorando insieme a Regione Lombardia per trovare la giusta strada da percorrere insieme”.

Sui costi invece non c’è nessun dubbio, l’iniziale stima di oltre 2 milioni di euro per la prima parte di lavori sul tetto, nella cappella e nel parco storico, si è rivelata di poco inferiore con un investimento complessivo di 1 milione e 942 mila euro, 935 mila dei quali messi a disposizione da Regione Lombardia come si legge proprio nel testo appena approvato. La restante cifra sarà competenza del comune di Cernusco quindi. “La riqualificazione complessiva della Villa, ricordiamolo, vale almeno altri 6milioni di euro -ha aggiunto Marchetti- ma i lavori che riusciremo a realizzare con questo primo importante intervento permetteranno già di mettere in sicurezza tutta la Villa, far tornare fruibile il parco che si collegherà con il giardino all’italiana e ristrutturare l’antica cappella che potrà essere utilizzata per, ad esempio, cerimonie e altri eventi”.

“L’obiettivo che stiamo raggiungendo è frutto di un lungo ed inteso lavoro –spiega invece il sindaco Eugenio Comincinie non va dimenticato il fondamentale impulso dato dal risultato conseguito lo scorso anno da Villa Alari nel Censimento dei Luoghi del Cuore del FAI nel quale si è piazzata al primo posto in Lombardia e al nono a livello nazionale. L’impegno di tanti volontari per la raccolta firme, oltre che l’attesa di tanti cittadini ed appassionati estimatori della villa, trova oggi un significativo appagamento: l’avvio dell’opera di riqualificazione”.

“Un ringraziamento particolare -conclude Marchetti va all’ufficio tecnico del Comune e ai funzionari Regionali e della Sorpintendenza, i quali hanno preso a cuore il futuro della Villa e per questo hanno accelerato i passaggi per arrivare a questo accordo”.