CERNUSCO
NIENTE SALE SLOT E CENTRI SCOMMESSE VICINO A LUOGHI FREQUENTATI DA GIOVANI

Centri scommesse e slot machine vietate nel raggio di 500 metri dai luoghi sensibili: è questa la distanza di sicurezza stabilita dalla Giunta di Cernusco. Ma cosa si intende per “luoghi sensibili”? Si tratta di scuole, chiese, oratori, centri di aggregazione giovanili, strutture socio sanitarie e centri sportivi.

Il primo passo verso questa decisione risale allo scorso 12 gennaio, quando “il consigliere Mariangela Mariani -ha spiegato il sindaco Eugenio Cominciniaveva individuato come priorità la lotta contro il gioco d’azzardo e le possibili azioni che l’Amministrazione Comunale poteva intraprendere per contrastare il fenomeno”. “Tra le varie azioni che aveva proposto –ha proseguito- c’era anche quella di identificazione dei luoghi sensibili vicino ai quali non sarebbe stato possibile aprire nuove sale gioco, oltre alla mappatura di tutte le sale con slot machine presenti già oggi in città”.

Dopo mesi di lavoro, giovedì scorso è arrivato il responso: nel raggio di 500 metri dai luoghi indicati come sensibili, sarà vietata l’apertura di nuovi locali per scommesse, oltre che la sottoscrizione di contratti con gestori per slot machine. Sono state anche stabilite le “fasce di rispetto” del nostro territorio, ossia quelle zone vicine ai luoghi sensibili dei Comuni confinanti. In questa fascia rientrano, ad esempio, le scuole di Carugate e Pioltello.

L’obiettivo di tutto questo è prevenire le ludopatie ed evitare che giovani e giovanissimi entrino abitudinariamente in contatto con la pratica del gioco d’azzardo.

 

ANDREA AMATO