CERNUSCO
CONSULTA DELLO SPORT RIUNITA: PRIMO INTERVENTO SULLA PISTA DI ATLETICA. MOLTE LE RICHIESTE PERO’

Una nuova pista di atletica come primo intervento di riqualifica degli impianti sportivi del territorio. È questo quello che è emerso dalla prima riunione della Consulta dello Sport del nuovo anno, a cui hanno partecipato, oltre all’assessore allo Sport Ermanno Zacchetti e al dirigente del settore Sport Giovanni Cazzaniga, i rappresentanti delle associazioni sportive cittadine e il vice-sindaco Giordano Marchetti.

“Come sempre, crediamo che la Consulta sia il luogo in cui aprire il confronto e relazionare le associazioni su quanto gli uffici e gli assessorati stanno programmando per il futuro –ha dichiarato Zacchetti– Seguendo questo principio, sono stati condivisi i criteri che guideranno la realizzazione dei prossimi interventi: le urgenze impiantistiche avranno la precedenza rispetto a sviluppi e ammodernamenti strutturali e i tempi di realizzazione saranno dettati dalle disponibilità di bilancio e dal carico di lavoro progettuale dell’ufficio Tecnico, il tutto all’interno della più ampia visione sulle necessità dell’intero Comune”.

Il primo intervento dunque, che comporterà un investimento di circa 130 mila euro, riguarderà la pista di atletica presso lo stadio Scirea, con una riqualificazione mirata al mantenimento, che ne garantirà una perfetta efficienza per un buon periodo di tempo. Importante sarà capire se l’operazione riuscirà a godere dei benefici derivanti da un bando indetto da Regione Lombardia che, in caso di riconoscimento, permetterebbe di accedere a un contributo a fondo perduto pari al 50% dell’investimento.

Gli interventi richiesti dalle associazioni sportive però sono molteplici, e questo Zacchetti lo sa bene (non da ultimo proprio su questo punto pare essere nata la scintilla che ha portato alla rottura con l’ex assessore ai lavori pubblici Maurizio Rosci). Proprio per questo motivo, insieme al presidente della consulta Roberto Ambrosoni, ha rinnovato la richiesta alle associazioni sportive di far pervenire un elenco di proposte e priorità, così da valutarle insieme ai tecnici e inserirle nel processo di programmazione futura.

C’è però chi crede poco in questa iniziativa, come il consigliere comunale Claudio Gargantini, tra i soci artefici della rinascita del calcio cernuschese comunale: “Le criticità si conoscono da tempo e da anni si parla sempre degli stessi progetti di riqualificazione – spiega il consigliere – sembra quasi che il valore della consulta si stia piano piano deteriorando. Ognuno cerca di portare a casa qualcosina, di sistemarsi il suo orticello. La consulta invece dovrebbe avere una visione più ampia dello sport in città e lavorare sotto un’ottica di visione d’insieme”.

MATTEO OCCHIPINTI