CERNUSCO
L’AGRICOLTURA IN MARTESANA ? PIU’ DI UN PROGETTO PER VALORIZZARLA

Mani Tese, Associazione Supernovae e Comune di Cernusco. Ecco i tre soggetti che in sinergia stanno lavorando all’organizzazione del “Martesana Food Council – Generazione di nuove politiche del cibo, integrate e partecipative”, aperitivo incontro ospitato il 16 dicembre alle ore 21.00 nei locali della Biblioteca, e crocevia tra un progetto concluso e uno in partenza, entrambi incanalati su quattro binari: agricoltura, cibo a chilometri zero, occupazione e tutela del territorio.

Cernusco si fa ancora una volta capofila di diversi comuni della Martesana, intenti a valorizzare nuovamente la loro vocazione agricola, che nel tempo e con le mutazioni sociali ed economiche, si è andata perdendo nel nostro territorio, pur conservando una forte tradizione e spazi ancora utilizzabili per reinvestire in termini di “buone pratiche agroalimentari“.

Nell’aperitivo proposto il prossimo mercoledì, verrà illustrato ai cittadini interessati il progetto co-finanzaito da Fondazione Cariplo e realizzato da Mani Tese in concerto con alcune realtà territoriali operative nel campo dell’ecologia, dell’agricoltura e di pratiche sostenibili legate all’alimentazione e alla produzione di cibo. “Agroecologia in Martesana“, questo il nome del percorso in procinto di partire, è uno dei due tasselli di un puzzle più ampio all’interno del quale si inserisce anche  tutto il lungo cammino di azioni portate avanti nel 2014 proprio in direzione del Martesana Food Council, che ha visto lavorare fianco a fianco i GAS (Gruppi Acquisto Solidale), le associazioni e i produttori agricoli locali, con il sostengo delle amministrazioni comunali. Scopo di allora, fu quello di ragionare sul rilancio delle politiche agricole territoriali, partendo dalle potenzialità offerte dai nostri paesi; un ragionamento che si è avvalso di una serie di ricerche e dati confortanti per una recupero di queste attività, e che verranno illustrate proprio nella serata del prossimo mercoledì 16 dicembre.

Due progetti ambiziosi che si scambiano il testimone dunque, e che si sposano con il Protocollo per lo Sviluppo e l’Innovazione Adda Martesana,un tavolo di lavoro avviato da Cernusco con altri comuni del territorio, come ha ricordato l’Assessore alle Politiche Attive del Lavoro, Rita Zecchini, che ha poi aggiunto: Cernusco sul Naviglio ancora oggi ha una vocazione agricola che, pur ridimensionata rispetto a molti decenni fa, può ancora offrire, da un lato, occupazione e sviluppo di nuove attività economiche rispettose del territorio, dall’altro risorse per alimentare i gruppi di acquisto solidale e più in generale sensibilizzare i consumatori su acquisti ecosostenibili“.