CERNUSCO
RIPARTONO OGGI I MOLTEPLICI PERCORSI CULTURALI IN CITTA’

Se è opportuno non perdere le buone abitudini, lo è altrettanto non abbandonare importanti tradizioni, soprattutto quelle culturali.

Ecco quindi che il Comune di Cernusco, e l’Assessorato alle Culture, ripropone anche quest’anno un percorso di eventi in città, che spazierà tra le principali discipline dell’arte, dalla musica alla danza sino alla letteratura, il teatro e le arti visive, senza trascurare alcune discipline più prettamente didattiche, come la storia e la filosofia.

Abbiamo già parlato delle Matinée Musicali (qui), e ora torniamo a parlare anche di Martes’anima, progetto culturale sovracomunale, che a Cernusco partirà questo sabato 17 ottobre con la mostra a cielo aperto in Piazza Unità d’Italia “la bellezza dei fiori”, che sarà lo snodo per poi raggiungere altre tre esposizioni allestite a Villa Greppi, in Filanda e in Biblioteca. Numerose le iniziative correlate a questa prima giornata di cultura del e per il territorio (qui il programma completo della prima giornata), che si chiuderà il 25 ottobre.

Indignarsi Non Basta” è l’atro filone ormai consolidato nelle attività culturali di grande valenza sociale. La Casa delle Arti da oggi 16 ottobre alle ore 21.00 sarà la casa di tre spettacoli dedicati al tema della criminalità organizzata, alla celebrazione di una figura amata come quella di Sandro Pertini, e all’ancora drammaticamente attuale tema della violenza di genere. Si parte quindi stasera con “Maphia 2.0, dalle terre contadine alle terre di Expo”, spettacolo portato in cena dal Teatro Officina (qui tutto il calendario).

Un’offerta ampia, ricca e stimolante – spiega l’assessore alle Culture Rita Zecchini che speriamo contribuisca sempre più a favorire un clima effervescente e vitale in città in cui la cultura sia sempre più un bene condiviso, motivo di coesione e di crescita sociale”.

Confermate anche le iniziative legate ai “Ritmi in città” per il mese di novembre, che sonderanno il mondo del blues, e il ciclo “vivere con Filosofia” che tratterà temi etici e politici calati nell’attualità. Dal 5 novembre ripartirà anche al collaborazione con l’ Associazione Astrofili, che in biblioteca riproporranno il mese dello spazio. Una nota originale è invece rappresentata dall’assoluta novità legata ad una proposta di danza, che indagherà e si addentrerà nella sinuosa storia del Tango Argentino, che al di là del ballo si configura come vera e propria forma d’arte.