CERNUSCO
CAMBIO AL VERTICE PER IL PD: DOPO LE DIMISSIONI DI POZZI, SUBENTRA DANIELE MANDRINI

Il PD di Cernusco ritrova il suo vertice. La settimana scorsa, dopo poco più di due settimane senza una guida, i democratici cernuschesi hanno nominato il nuovo segretario locale. La poltrona, lasciata libera dalle dimissioni dell’ex segretario Daniele Pozzi, è stata occupata da un altro giovane renziano: Daniele Mandrini.

pd-cernusco-0935 anni, nato e cresciuto a Cernusco, Mandrini è membro del consiglio comunale proprio come lo era il dimissionario Pozzi, con cui condivide ben più che un’idea. “C’è molta sintonia tra le mie idee di partito e le idee che Daniele (Pozzi n.d.r) ha portato avanti in questi anni di segretariato – ha affermato Mandrini – ci aspettano mesi impegnativi, durante i quali ci sarà molto da fare per costruire il percorso che ci porterà all’appuntamento elettorale del 2017. Credo che riusciremo ad affrontarli al meglio se ciascun democratico si farà carico di una parte del lavoro che ci aspetta: da questo punto di vista sono fiducioso del fatto che non mancherà il supporto degli iscritti e di tutto il direttivo”.

Proprio la voglia di continuità con la linea di partito precedente è sottolineata dal fatto che la decisione è stata presa dal solo coordinamento e passata a stretta maggioranza, senza in precedenza passare da un congresso. “Penso che lo strumento del congresso sia utile quando si voglia individuare un segretario che stravolga la linea politica di un partito – ha specificato il neo-segretario – nel nostro caso questa condizione non c’è stata e quindi, in piena sintonia con lo statuto del nostro partito, abbiamo optato di non convocarlo; gli iscritti hanno avuto comunque settimane per presentare candidature e consigli”.

MATTEO OCCHIPINTI