CERNUSCO
PARTE DALL’ INFOPOINT DEL PARCO COMI LA SPEDIZIONE PER “PULIRE IL MONDO”

Puliamo il mondo”, l’iniziativa di Legambiente promossa dal Comune di Cernusco che invita i cittadini a ridare splendore ai luoghi più belli delle città, forse nel nome non rende a sufficienza l’idea del grande valore che un gesto come quello di prendersi cura del proprio territorio può avere.

I luoghi che ogni giorno frequentiamo, le piazze, i parchi non sempre ricevono da noi il dovuto rispetto: spesso anzi siamo noi stessi i primi che per pigrizia lasciamo cadere il mozzicone di sigaretta a terra o lasciamo la bottiglietta d’acqua vuota sulla panchina, convinti che tanto non sarà di certo il nostro mozzicone o la nostra bottiglietta a rendere più sporco un marciapiede o un prato.

Proprio questo è ciò che la giornata di Legambiente cerca di farci capire, invitandoci per un giorno ad aprire gli occhi e a renderci conto di quanto la pigrizia o l’egoismo di ognuno di noi, se sommato a quello di tanti altri con il nostro stesso comportamento, renda un luogo più triste e meno vivibile.  Anche quest’anno abbiamo deciso di promuovere attivamente l’iniziativa di Legambiente “Puliamo il Mondo”– ha spiegato l’Assessore all’Ambiente di Cernusco Ermanno Zacchetti perché convinti che il rispetto del territorio in cui viviamo passa necessariamente anche da azioni concrete di ciascuno di noi e dal coinvolgimento diretto della comunità in questi comportamenti virtuosi. Una Cernusco bella da vivere e cittadini educati a rispettarla: questa è la città del futuro che immaginiamo.”

L’appuntamento dunque è per Sabato 26 settembre alle ore 9.00 all’ InfoPoint Martesana all’interno del Parco Comi, dove sarà distribuito il kit di Legambiente con sacchi e guanti per la raccolta. Da lì si formeranno tre gruppi che si occuperanno di ripulire diverse zone della città. In particolare saranno interessati il Parco degli Alpini, largo Riboldi Mattavelli, il lungo naviglio e il percorso ciclopedonale che collega il naviglio Martesana con la Padana Superiore.

L’anno scorso furono in sessanta a ripulire il letto del Naviglio in secca, si riuscirà a fare meglio quest’anno?

MATTEO OCCHIPINTI