BRUGHERIO – CARUGATE
PROBLEMI PER ENEL: BLACKOUT NELLE DUE CITTA’ A CAUSA DEL CALDO

Nelle ultime due settimane, sono stati numerosi i casi di blackout registrati sia a Brugherio che a Carugate, e ormai da giorni sono molti i cittadini che hanno espresso disappunto e in alcuni casi preoccupazione. A monte di questa situazione, ci sarebbe l’utilizzo eccezionale di condizionatori per far fronte al caldo anomalo di questo periodo.

Per quanto riguarda Brugherio, soprattutto in zona Moncucco, il problema starebbe tutto nel guasto riscontrato da Enel in due delle sue centraline, una situazione, come ha spiegato il Sindaco Marco Troiano, del tutto indipendente dall’amministrazione comunale, e per tanto di esclusiva competenza dell’operatore elettrico, che pare sia al lavoro ormai da un paio di giorni per riparare al danno delle cabine.

Anche a Carugate il problema si è verificato già nelle scorse settimane e ancora si sta ripetendo soprattutto in alcune zone della città. La richiesta di energia in gusto momento è superiore alle disponibilità di Enel -ha spiegato il Sindaco Umberto Gravina il gran caldo ha portato ad un uso più che abbondante dei sistemi di condizionamento che hanno portato ad un sovraccarico. Purtroppo potrebbe succedere ancora”.

Anche in questo caso problemi per Enel dunque, che non è la sola però ad dover far fronte ai disagi dovuti all’utilizzo di energia in più per far fronte alle temperature anomale.

Nel capoluogo lombardo infatti, anche la società di energia A2A, l’azienda privata con partecipazione pubblica che rifornisce Milano, ha dovuto rilasciare una nota nella quale dava conto ai cittadini dei blackout riscontrati in larghe zone della città, nella quale, come riportato dall’ agenzia AdnKronos, ha spiegato come ieri 7 luglioil picco massimo di energia immessa nella rete di distribuzione di A2A ha raggiunto i 1625 Mw, un valore che rappresenta il 13% in più rispetto allo stesso periodo del 2014. È stata anche superato di oltre 85Mw il record raggiunto nel giugno 2005 e sono state più di seimila le segnalazioni al numero verde“.

Dunque con l’abbassarsi delle temperature, i disagi dovrebbero rientrare.