MARTESANA TRASPORTI
CAR SHARING DA MILANO FINO A CERNUSCO, COLOGNO, SEGRATE E VIMODRONE

immagine di copertina presa da wired.it

No Banner to display

Il car sharing va alla conquista della Città Metropolitana, e quindi anche della Martesana, partendo da Cernusco sul Naviglio, Cologno Monzese, Segrate e Vimodrone.

In ognuno di questi comuni (e in moti altri del milanese), saranno disponibili una serie di punti di presa e di rilascio delle auto in condivisione, quasi 2000 quelle che arriveranno a breve dai tre principali operatori attivi a Milano, car2go, Enjoy e Twist, che permetteranno agli utenti di lasciare nel box l’auto privata per raggiungere il capoluogo con questo comodo e sostenibile servizio.

Progetto questo, presentato proprio in questi giorni a Palazzo Isimbardi, sede della Città Metropolitana, alla presenza del Sindaco di Milano e Metropolitano Giuliano Pisapia, della Consigliera Metropolitana con delega alla Mobilità e Trasporti Arianna Censi, e dell’assessore, sempre alla Mobilità e Ambiente, del comune di Milano Pierfrancesco Maran.

Diventa realtà una rivoluzione che Milano ha già sperimentato con successo: quella dello sharing, della mobilità in condivisione -ha commentato Giuliano PisapiaUn’opportunità nuova per  tanti  cittadini che potranno muoversi liberamente nei diversi comuni, un passo in avanti importante nella direzione giusta, quella della libertà di movimento, della diminuzione del traffico e dell’inquinamento. La Città Metropolitana cresce partendo dai servizi, dalla qualità della vita, dalle azioni concrete per il territorio”.

Al Sindaco fa eco la Consigliera Censi, che non dimentica però un più ampio contesto di mobilità nei paesi della Città Metropolitana: “L’allargamento del servizio di car sharing a questi primi comuni di Città Metropolitana di Milano è un fatto molto positivo che incontra le richieste degli amministratori e dei cittadini. Non si può prescindere dall’affiancare a questo intervento anche un grande investimento per implementare il trasporto pubblico locale”.

Più prettamente tecnica l’osservazione dell’ assessore Pierfrancesco Maran, che ha portato sul tavolo alcune cifre: “Questa evoluzione rappresenta un nuovo capitolo nelle politiche di riduzione del traffico a livello macroterritoriale. Se a Milano il tasso di motorizzazione è di 51 auto ogni 100 abitanti,  in alcuni comuni dell’hinterland si arriva a punte di 92 auto per 100 abitanti, rispetto alla media nazionale di 61. Per questo,  il Comune di Milano ha incentivato, nei mesi scorsi, la mediazione tra gli operatori e i comuni interessati all’arrivo del car sharing nel proprio territorio, anche attraverso una serie di agevolazioni per gli operatori.

A tale proposito, sono previsti sconti sull’abbonamento annuale per le nuove auto che rientreranno in questo servizio ad ampio raggio di azione territoriale, con riduzioni fino al 4% per ogni comune raggiunto, fino ad un massimo di 9 città o paesi. Come spiegato alla presentazione, la tariffazione non verrà applicata, come già avveniva per un regolamento antecedente, ai veicoli esclusivamente elettrici.

A Milano, dove sono già 300.000 le auto in condivisione, partirà il 22 giugno il progetto di car sharing elettrico Share’ngo, che conta già 3500 iscritti pronti ad usufruirne, e la possibilità da luglio, di raggiungere con queste vetture i primi punti della Città Metropolitana, come il Share’ngo Point di Busto Arsizio, che conta già 10 auto elettriche sin dai primi di maggio.

Alla presentazione del progetto, vi erano anche l’amministratore delegato di Car2go Italia, Gianni Martino, lo Smart Mobility Services Vice President di Eni-Enjoy, Giuseppe Macchia, e il presidente di Twist Paolo Guaitamacchi.

FRANCA ANDREONI