BUSSERO (foto e video)
ANCHE I CITTADINI DAVANTI ALLA METRO A SOSTEGNO DELLA PROTESTA DEI SINDACI

C’erano tutti i sindaci coinvolti nella protesta per una mobilità più accessibile, ma questa volta a loro sostegno, sono scesi sul piazzale della metropolitana, anche decine di cittadini.

La protesta “Salgo anch’io no tu no!” messa in atto dai primi cittadini di Bussero, Cassina, Gessate, Gorgonzola e Vimodrone (qui) con il sostegno di Cernusco, ha fatto tappa ieri 8 giugno in quel di Bussero (prima tappa qui), dove il sindaco di casa Curzio Rusnati, è stato accompagnato dai colleghi delle città coinvolte, ma anche da un drappello di cittadini piuttosto risentiti per le condizioni in cui versa la struttura.

“Devono sbrigarsi a trovare una soluzione -ha commentato Antonella, una donna disabileperché non è possibile che siamo nel 2015 e c’è ancora questo schifo, disabili e anziani che non riescono a prendere la metropolitana. Le persone con disabilità qui non possono salire, io non so neanche cos’è, la mia carrozzina non si può sollevare perché le scale sono troppo ripide. Che si mettano tutti una mano sul cuore!“. Ad Antonella fa eco la signora Laura, over 60: ” Pensi che io preferisco scendere a Gorgonzola e poi tornare indietro a Bussero coi mezzi pur di non fare queste maledette scale ! Così però spendo di più per il biglietto… Siamo conciati male !”.

Nel parcheggio della metropolitana si sono radunati anche gli assessori dei comuni coinvolti, e quasi tutto il consiglio comunale di Bussero con la giunta al completo. Al presidio era presente anche Laura Rotondi, Presidente del Comitato Genitori “Insieme nella Scuola”, che ha fatto un’analisi più generale: “Per quanto sia importante che queste stazioni vengano riqualificate e rese accessibili a tutti, purtroppo il problema è più generale e coinvolge tutta la linea -ha sottolineato- La questione non è far salire i disabili qui da noi, ma è anche e soprattutto farli scendere una volta raggiunta Milano, dove mancano spesso ascensori e pedane. Questa manifestazione, per quanto necessaria, rischia di lasciare purtroppo il tempo che trova, perché mancano i soldi, ed è un dato di fatto, e a Milano hanno altre priorità“.

Una curiosa installazione artistica posta all’ingresso della stazione, ha catturato l’attenzione dei presenti: una sedia a rotelle dietro a barriere di legno con cartelli provocatori. “E’ un’installazione che ho creato ed esposto tempo fa ad una mostra ad Inzago -ha raccontato Diego De Crescenzo, artista locale Presidente dell’Associazione Arte Tra La Gentein quel caso parlavamo di ogni tipo di barriere, e questa volta abbiamo voluto lasciare un simbolo esplicito dell’arte che si unisce alla protesta specifica.”

Come si può ascoltare nella video intervista, il Sindaco Curzio Rusnati ha posto l’accento sull’aspetto concreto che questa mobilitazione dovrà assumere nei prossimi mesi, a partire dall’apertura di un tavolo di trattative, sino alla soluzione concreta per reperire fondi e far partire progetti.

Il prossimo appuntamento è fissato per mercoledì 10 a Gessate.