SUPER LEAGUE
CHIUSA LA TERZA GIORNATA. ORA E’ TEMPO DI FINALISSIMA SABATO POMERIGGIO

Innanzitutto va detto: non perdetevi la finale della Super League, sabato 9 maggio a partire dalle ore 10.00 con le semifinali, per poi continuare nel pomeriggio dalle ore 14.30 con il match per il 3° e 4° posto e subito dopo con la finale. Se l’ultimo atto della competizione terrà testa alle precedenti partite, sarà davvero un pomeriggio di grande emozioni e divertimento.

Ma andiamo alla cronaca. Le ultime sfide valide per decretare i nomi delle squadre per la finalissima, hanno dato risultati sofferti sino all’ultimo secondo, e anche uno splendido pareggio che ha dato il vero senso della competizione, soprattutto per come è maturato.

Che la squadra Gialla (Agorà e Conad) e la squadra Azzurra (Assia Onlus e OMC) fossero le due formazioni da battere, lo avevamo detto già nella scorsa puntata della Super League, ma che dallo scontro diretto ne uscisse un pareggio per 7 a 7 con una fila di ribaltamenti a non finire, ecco, questo era meno prevedibile. Eppure è andata così, con continui vantaggi, risultato ristabilito e poi ancora contro-vantaggi, e così via fino al triplice fischio che ha regalato un punto a testa.

Nell’altra gara, i padroni di casa in casacca bianca ( Enjoy, Progetto Filippide e Decathlon) hanno raggiunto la loro prima vittoria nel torneo, tanto voluta e cercata, ma mai arrivata sino a questo trionfo con un goal di scarto (6 – 5) contro la squadra rossa ben affiatata di Graffiti e Mobilissimo. Il match sembrava avviarsi verso il pari, ma una zampata finale ha dato la gioia della vittoria ai “blancos”.

Ora i ragazzi daranno il tutto per tutto nella giornata conclusiva, che inizierà come detto alle ore 10.00 di sabato 9 maggio presso i campi di Via Buonarroti, con la sfida di semifinale tra Gialli e Rossi, seguita da quella tra Bianchi e Azzurri alle ore 11.00.  Il pranzo con grande grigliata collettiva, farà da spartiacque prima delle finali pomeridiane: alle ore 14.30 quella per il 3° e 4° posto, e in chiusura la finalissima partita che sancirà il vincitore formale sul campo, perché poi, si sa,  aver portato avanti questa esperienza e aver creato sinergie importanti e nuove relazioni sociali, è già una vittoria globale, che ancora una volta mette al centro della quotidianità, il valore delle diverse abilità.