CALCIO FEMMINILE 32° EPISODIO
LE DONNE GIOCANO A CALCIO, NONOSTANTE IL PRESIDENTE BELLOLI

E’ un turno particolare quello disputato questo week end sui ampi del calcio femminile della Martesana. In settimana sono state rese note le parole proferite dal Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Belloli riguardo il calcio in rosa: “basta dare soldi a queste quattro lesbiche“, ha messo a verbale.

Per questo, prima di consegnarvi ai risultati della giornata, ci va una premessa LOGICA:
Che al mondo ci sia un numero di persone con orientamenti sessuali diversi, è un dato di fatto.
Che al mondo ci sia gente che faccia sport, è un altro dato di fatto.
Che il calcio sia uno sport, è altrettanto assodato.
Che ci sia gente con orientamenti sessuali diversi, che decide di fare sport,  e magari scelga il calcio, è la somma della logica precedente e non un fatto eccezionale di cui parlare.

ILLOGICO, è che l’orientamento sessuale diventi argomento di discussione pubblica, ancor più a livelli federali.  ILLOGICO, è che la sessualità in generalel’omosessualità delle donne possa essere sbattuta sulle prime pagine, diventare metro di giudizio, diventare criterio di scelta, oggetto di scherno, motivo di discriminazione, elemento di scommesse, e quella degli uomini tenuta in gran segreto o usata al massimo come virtù da conquistatore, da celebrare e invidiare.

Ma una ragione c’è, se SOLO NEL CALCIO l’omosessualità delle donne diventa notizia e pettegolezzo. Perché il calcio in Italia è ancora un baluardo maschile che l’uomo deve difendere e su cui vuole avere pieno controllo. Non c’è interesse a discutere delle donne lesbiche che fanno Curling, o se vogliamo essere meno estremi, delle donne omosessuali che praticano basket o pallavolo o simili. In quei casi, l’uomo italiano, non ha interesse nemmeno a porsi la domanda, perché tanto quello non è il suo ambito essenziale di competenza e affermazione.

Se la lingua batte dove il dente duole, l’ignoranza parla dove non c’è cultura.

Da quasi due anni raccontiamo il calcio in rosa in Martesana, con centinaia di atlete coinvolte, decine di squadre, migliaia di passioni. Ecco quelle di oggi, che non saranno certo le ultime, nonostante i Belloli di turno.

C.S.I. – Eccellenza – ultima giornata
Pol. Carugate: riposo 

San Giorgio Dergano – Ausonia: 3 – 8
Stella Azzurra 56 – PCG Bresso: 2 – 3
Resurrezione – settimo calcio: 1 – 1
UP Settimo – San Rocco Seregno: 3 – 1
Melegnano Calcio – San Giovanni Bosco Ceredo: 0 – 4 tav.
SGB – La Traccia: 0 – 5
Atletico Alveare – Certosa F: 2 – 3

C.S.I. – Coppa Plus – semifinali
Don Bosco Carugate – Oratorio Vittuone: 6 – 8 dopo calci di rigore

Il Don Bosco Carugate esce dalla competizione dopo una partita a tratti splendida a tratti assurda. Il primo tempo è una rincorsa continua tra le due formazioni. Una cosa è certa, il Don Bosco ha dimostrato di essere squadra laddove le avversarie hanno dato preoccupazione solo ed esclusivamente con un unico talento, un attaccante autrice di tutti e 5 i goal realizzati durante i tempi regolamentari. Anche questo è un rammarico per le ragazze di Carugate. Dopo 10 minuti, il punteggio era di 2 a 2: prima goal del bomber ospite, e pareggio di Magni che gira in porta l’ 1 a 1; poi ancora goal del Vittuone con un colpo di testa della stessa giocatrice, e altro colpo di testa di Magni a rimettere in equilibrio la gara. L’attaccante del Vittuone fa tripletta ma il Don Bosco in cinque minuti manda in rete Stirati prima e Varisco dopo e chiude il primo tempo in vantaggio. La ripresa è un incubo. L’attaccante delle rossoblù ci prova ancora da lontano e trova la rete del pareggio, e nonostante il bellissimo goal di Maggioni per il 5 a 4, le ragazze di Mister Nava vanno in affanno, e si fanno raggiungere ancora. I calci di rigore non vanno bene: le avversarie ne mettono a segno 3 su 4 e per il Don Bosco ne entra solo uno, siglato da Magni. 

Don Bosco Carugate – Oratorio VIttuone: 6 – 8 dcr
San Marco OSF – Pro Vigevano Suardese: 2 – 0

C.S.I. – Primaverile – 6° giornata
Chiaravalle – Orat. Bornago: 5 – 0
Samma Cusano – Aso Cenrusco Rosa: 3 – 1
Hockey Cernusco Rosso – S. Nicolao Forlanini: 0 – 2
Hockey Cernusco Bianco – Paina Clacio 1975: 1 – 2

Hockey Cernusco Rosso e Bianco giocano in casa una dopo l’altra. Partono le rosse che contro il Forlanini tengono bene il campo per la prima frazione di gioco. Nella ripresa però, la traversa di Andrich è l’unico sussulto. Il Forlanini trova invece due reti che chiudono la gara. Non va meglio alle blancos, che cedono per 2 reti a 1 contro il Paina, che il prossimo anno sarà in eccellenza. Match grintoso e a testa alta per le cernuschesi, che alla fine del primo tempo vanno sotto. Alla ripresa il raddoppio delle brianzole arriva subito, ma Grasso rimette in gioco al speranza con la rete che accorcia le distanze. Tante le occasioni per le ragazze in maglia bianca, ma purtroppo al gara si chiude senza i tre punti.

L’ Aso Cernusco Rosa va in trasferta contro il Cusano Milanino, e torna a casa con una sconfitta anche troppo dura. “forse la peggior partita del campionato“, dice amaramente coach Canzi. Andate in vantaggio nella ripresa col goal di Mondonico, brava a finalizzare una bella azione corale, le ragazze dell’ Aso si spengono subito dopo il pareggio. Incassando l’ 1 a 1 su una serie di batti e ribatti in area, il 2 a 1 da calcio piazzato e il 3 a 1 con qualche complicità dell’estremo difensore. Una sconfitta che pesa, perché la partita era ben iniziata, e perché forse con un piccolo passo in più si poteva portare a casa anche la vittoria.

Il Bornago incontra un Chiaravalle nettamente superiore per gioco e palleggio, e torna a casa con una pesante sconfitta per 5 a 0,dove tre reti maturano già nella prima frazione. l’1 a 0 arriva rocambolesco con un tiro da fuori che viene deviato dal portiere sul palo e poi finisce in rete attento sulla gamba dell’estremo difensore. Belle le azioni delle avversarie per il 2 e 3 a 0. Gli accorgimenti tattici del Bornago riportano un po’ di equilibrio, ma in breve arrivano anche il 4 e 5 goal. C’è spazio solo nel finale per qualche azione del Bornago, ma nulla di fatto.

girone C
Hockey Cernusco Rosso – San Nicolao Forlanini: 10 – 2
Pol. Assisi – Fortes In fide: 5 – 2
Real Cinisello – San Francesco Cesate: rinviata

girone E
Osg 2001 – Madonna del Castagno: 4 – 3
Hockey Cernusco Bianco – Paina Calcio 1975: 1 – 2
Airoldi Origgio – Robur FBC 84: 1 – 2

girone G
Chiaravalle – Orat. Bornago: in corso 5 – 0
Vibe Ronchese – San Luigi Concorezzo – : 8 – 0
Samma Cusano – Aso Cernusco Rosa: 3 – 1

Per tutti i risultati, compresi quelli della Lady Cup, e le classifiche, potete consultare anche www.azzuragirls.it