VIMODRONE
AUCHAN CON WWF CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE: UN LIBRO PER CUCINARE CON GLI AVANZI

Per il secondo anno il 5 febbraio è dedicato alla Giornata Nazionale Contro lo Spreco Alimentare, tema che rientra a pieno titolo, nell’evento dell’anno Expo 2015, che ha come tema Nutrire il pianeta, Energia per la vita.

Auchan aderisce a questo evento, presentando l’ultima fatica avviata in collaborazione con WWF.

Negli ipermercati Auchan, da ieri è in vendita al costo di 5 euro, il libro di ricette “Buttali in pentola” curato da Lisa Casali, Ambassador per il progetto Woman for Expo’, con utili consigli su ricette con alimenti di scarto e di riutilizzo, raccolte tra le tante inviate dai cittadini.

Il libro infatti, è stato realizzato a partire dalla campagna di Auchan “la tua ricetta  per salvare il pianeta”, nella quale gli utenti hanno inviato le loro idee di cucina di riciclo e senza sprechi. Così nel libro, cui parte del ricavato va a finanziare in progetti di conservazione WWF, sono state riunite le migliori 70 ricette postate dagli stessi cittadini eco attenti.

Nel volume si possono trovare utili consigli su come cucinare con parti di cibo che solitamente vengono buttate, come ad esempio le foglie esterne del carciofo, e fantasiose ricette per riutilizzare gli avanzi.

Nel 2014 l’impegno di Auchan contro lo spreco ha coinvolto direttamente anche le scuole. Con la campagna “Insieme contro gli sprechi”, infatti, le scuole sono state chiamate a partecipare al concorso “Non sprecare? Mi piace!” sul sito Scuolachannel.it, piattaforma innovativa a disposizione di insegnanti, alunni e famiglie.

Tra i tantissimi elaborati candidati (testi scritti, video, disegni, ecc.), che testimoniano lo spreco o propongono un gesto o buona pratica per non sprecare anche nel quotidiano, sono state premiate sedici scuole primarie e secondarie che hanno così potuto vincere diversi premi: tablet, gift card Auchan, tessere del WWF, Panda Rangers, o l‘ingresso ad un’Oasi WWF.

E proprio nella giornata contro lo spreco alimentare viene annunciato l’arrivo del  “Diario domestico dello spreco alimentare“, iniziativa che coinvolgerà un campione rappresentativo di famiglie italiane, impegnato nel monitoraggio scientifico del cibo sprecato.

Per la prima volta gli italiani conteggeranno il loro spreco effettivo, e questo consentirà di capire quali prodotti alimentari sono maggiore oggetto di spreco all’interno dei nuclei domestici italiani, e perché.

FRANCA ANDREONI