SEGRATE
4 DOMANDE A PIETRO BUSSOLATI SULLA VICENDA TESSERAMENTI E SUL CANDIDATO UNICO

E’ un percorso pieno di colpi di scena quello che il PD di Segrate sta percorrendo verso le elezioni amministrative. 
Per questo abbiamo deciso di sentire direttamente Pietro Bussolati, Segretario Metropolitano Milanese del Partito Democratico, in un’intervista che chiarisca anche le ultime vicende legate ai tesseramenti.

Un Passo indietro: la vicenda tesseramenti
Dopo l’annullamento delle primarie e la scelta di Paolo Micheli come candidato unico del centrosinistra cittadino (qui), a tenere banco tra i democratici di Segrate è la questione tesseramenti, scoppiata poco tempo fa a seguito di una mail inviata dallo stesso Damiano Dalerba, segretario PD di Segrate, a Pietro Bussolati, Sara Valmaggi Vicepresidente del Consiglio Regionale, e Anna Scavuzzo Consigliera Comunale Pd a Milano. 

Tesseramento anomalo Circolo di Segrate“.
Questo l’oggetto della mail di Dalerba che segnala un picco nel numero degli iscritti al PD particolarmente alto:
“Dall’ultimo rilevamento di due mesi fa gli iscritti erano 85 -scriveva il segretario a fine dicembre- ora ne sono comparsi 41 a cui sono totalmente estraneo. Nonostante le mie richieste al tesoriere, non ho mai ricevuto risposta”.

Così si esprimeva Dalerba, segnalando inoltre il tesseramento in toto di 13 giocatori della squadra di Calcio segratese “Fulgor” di cui il capogruppo PD in consiglio comunale, Vito Ancora, è il presidente, e il consigliere comunale Giuseppe Ferrante, ne è il vicepresidente. Risultando i tesseramenti pagati direttamente dal conto dello stesso Ancora, fu lo stesso Dalerba a chiedere “di effettuare le giuste procedure di controllo iscritto per iscritto”.

I controlli ci sono stati, e i vertici di partito hanno deciso la sospensione di almeno 47 tessere su un totale di 126, così come riportato anche dal quotidiano nazionale “La Repubblica“.

Quattro domande a Pietro Bussolati
Dopo aver introdotto Segrate come città centrale per il PD, con un circolo attivo e un futuro candidato unico come Paolo Micheli, l’intervista è entrata nel vivo.

Segretario Bussolati, com’è la procedura di controllo sui Tesseramenti al Partito?
Il PD ha 4 livelli di garanti, il primo è a livello è di circolo, il secondo è a livello provinciale, il terzo a livello regionale e infine il quarto a livello nazionale. Lo statuto del Partito Democratico  è molto rigido, quindi ad ogni livello il garante è un punto di riferimento che non deve avere altra carica politica e il cui unico interesse è di arrivare fino in fondo”.

– “Allo stato attuale a Segrate come procedono i controlli?”
“Attualmente non ci sono anomalie, si è proceduto a controllare le tessere e le procedure di iscrizione, che sono state corrette. Magari in futuro verrà fatta una verifica chiamando direttamente i tesserati. Voglio trasmettere serenità e che i numeri interessati non sono importanti, si tratta di 35 tessere in più, che sono la somma tra i nuovi iscritti e i rinnovi.
Le tessere non sono state congelate, ma io e Anna Valmaggi abbiamo preferito evitare che andassero ad influenzare le possibili primarie”.

– “E Riguardo al tesseramento in blocco dei Giocatori della Squadra di Calcio cittadina della Fulgor, cosa può dirci?”
Non c’è nessun divieto che i giocatori della Fulgor non possano iscriversi al Partito Democratico e comunque queste iscrizioni sono avvenute nel 2013.”

– “Per quanto riguardo le Primarie, di cui il PD aveva fatto un simbolo di Democrazia per comunicare con la base del partito, con la sola candidatura di Paolo Micheli, non si rischia di andare contro a tutto ciò?”
“Stasera (nda: 14 gennaio) andrò alla riunione al Circolo di Segrate e si deciderà di accettare la mia proposta di candidare Paolo Micheli o di procedere con le primarie. La maggioranza deciderà come procedere per il meglio.

La conferma di Micheli da parte del PD
E la maggioranza, riunita in assemblea il 14 gennaio, ha deciso per il sì alla presentazione di Paolo Micheli come unico candidato del centrosinistra segratese.

Il voto è stato quasi unanime alla proposta del segretario metropolitano Pietro Bussolati, perché Paolo Micheli a Segrate è una figura che saprà unire e rappresentare le forze d’opposizione all’attuale maggioranza -ha scritto il Circolo PD SegrateseE’ un ottimo candidato e ha le caratteristiche necessarie  a dare  finalmente a Segrate un governo composto da una coalizione alternativa a quella attuale, capace di cambiare e dare nuovo slancio alla città”.

 

Nella stessa riunione è stato nominato, come da proposta di Bussolati, anche il nuovo commissario del Circolo di SegrateSara Valmaggi.

Quindi è partita ufficialmente la campagna elettorale del PD cittadino con Paolo Micheli.
Sarà una corsa verso le elezioni di maggio, attraverso continui confronti serrati e costanti a partire dai punti programmatici.

Articolo e intervista di: GABRIELE ROSSI