AMPLIAMENTO CAROSELLO
WWF MARTESANA: SIAMO PERPLESSI. QUESTO NON E’ IL SOLO PROGETTO PREOCCUPANTE

Più volte presente ad assemblee e riunioni, spesso coinvolto in manifestazioni e percorsi di sensibilizzazione ambientale,
il WWF Martesana rappresenta una realtà imprescindibile nel panorama delle politiche e dell’impegno ambientale della zona.

Sulla vicenda del possibile ampliamento del Centro Commerciale Carosello, ormai sono molte le voci che si sono levate pro e contro tale proposta, e risale allo scorso 29 ottobre, il Comunicato Ufficiale con il quale WWF Martesana esprime “perplessità e preoccupazione” non solo in merito alla possibile ulteriore espansione del Mall carugatese, ma in generale verso il contesto in cui questa si inserisce. Partiamo dunque proprio da questa osservazione del WWF.

NON E’ IL SOLO AMPLIAMETNO DI CAROSELLO LA PREOCCUPAZIONE
Quella sul contesto più generale nel quale si andrebbe ad inserire l’ampliamento voluto da Eurocommercial, è una riflessione già espressa più volte, ma sempre a margine delle principali osservazioni sul tema.

Questo progetto non deve essere considerato come isolato ma messo in stretta relazione con altri interventi previsti e in molti casi già approvati, nel territorio a Est di Milano. -commenta il WWF- Segnaliamo il progetto del nuovo Centro Commerciale Westfield di Segrate, il raddoppio dell’area di estrazione della cava Merlini di Cernusco, la costruzione del nuovo centro vendita all’ingrosso Cinese ad Agrate, che avranno un significativo impatto sull’area della Martesana“.

AUMENTO DEL TRAFFICO: UN DATO DI FATTO
Nell’analisi del WWF, si contesta in primis il fatto che indipendentemente da possibili progetti di modifica della viabilità, nulla potrà impedire che aumenti l’afflusso di utenti attratti dalle nuove proposte del centro commerciale, e conseguentemente il numero i veicoli in ingresso e in uscita dalla città. Nessuna discussione politica o di merito dunque, ma un’analisi che è una constatazione di un dato di fatto: se anche se si devierà il traffico e tutto scorrerà facilmente, l’ inquinamento portato in città’ sarà comunque maggiore in un’area “già fortemente critica in termini di traffico e inquinamento dell’aria“, come recita il comunicato.

CEMENTIFICAZIONE E PERDITA DI UN’AREA DI PARCO
Il WWF Martesana entra poi nel dettaglio della situazione carugatese e cernuschese, prendendo in mano i dati dell’ ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) che parlano di un consumo di suolo in Italia pari a 8mq al secondo.
Più nello specifico, nei Comuni di Carugate e Cernusco oltre il 65% del territorio è ormai edificato. – spiega l’associazione entrando nel merito- Come affermato dalla stessa Provincia di Milano, esiste un limite del 55% oltre il quale un territorio si trova nell’impossibilità di rigenerarsi dal punto di vista ambientale“.

E’ in questo ragionamento che il WWF inserisce il richiamo al Parco degli Aironi, area di verde che verrebbe in parte concessa per il futuro ampliamento: “L’intervento porterebbe a cementificare in particolare un’area di 5.000 mq attualmente adibita a parco, di interesse naturalistico.”

L’IMPEGNO DI WWF MARTESANA
Sviscerati i problemi della situazione attuale e di quella futura, il WWF conferma il suo impegno sul territorio, per “esercitare un attento, puntuale, costante vaglio delle fasi progettuali e delle misure compensative, al fine di tutelare l’ambiente, la salute e gli interessi generali delle cittadinanze coinvolte.