SEGRATE
5 STELLE: “LA CITTA’ VITTIMA DI TRAFFICO E SMOG”. MA ALESSANDRINI SMENTISCE

Forse è questione di punti di vista, forse di differenti modi di guardare alla vita di una città,
ma fatto sta, che le accuse mosse dal Movimento 5 Stelle, che ritraggono una Segrate immersa nello smog e stretta dalla morsa del cemento della viabilità, hanno suscitato parecchio dissenso nel Sindaco Alessandrini.

Basta denigrare il luogo dove si vive e basta falsità –ha dichiarato il Sindaco- La gente non è sciocca e non perdonerà tutto questo”.

Ma a cosa si riferisce di preciso ? Il commento arriva a margine di un comunicato pentastellato, che non usa mezzi termini per descrivere la propria idea sull’attuale situazione viabilistica e non solo, di Segrate.

La nostra Città è stretta da un abbraccio forte, freddo e pericoloso -scrivono- Due strade di elevata percorrenza l’attraversano: Cassanese e Rivoltana. […] Attualmente la Cassanese è un raccordo autostradale che attraversa una città di oltre 30.000 abitanti, creando traffico, inquinamento, e abbassando il valore economico delle abitazioni. Questa Via sulle carte è una strada Comunale, c’è qualcosa di incredibilmente strano in tutto questo”.

Un quadro piuttosto grigio sulla quotidianità segratese, sulla quale però Alessandrini si esprime categorico smentendo ogni osservazione a partire dall’abbassamento del valore delle case: “Solo chi non conosce alcunché di Segrate può dire che il valore della sua casa è basso –ha tuonato il Sindaco- Lo vadano a dire a chi cerca una casa a basso prezzo nella nostra città, e si deve spostare all’esterno, a meno che non si rivolga all’edilizia convenzionata presente nel territorio che ha risolto parte dei problemi abitativi”.

Su Cassanese e Rivoltana invece, il Primo Cittadino ha spiegato: “Queste sono strade esistenti da tempo immemore, e la riqualificazione della BreBemi sulla Rivoltana è evidente agli occhi di tutti. Non ci sono più code né traffico e si arriva direttamente a Linate senza alcun problema”.

Ma la riflessione pentastellata si spinge oltre: “Che fine ha fatto la famosa variante della Cassanese, la Cassanese “Bis”, che avrebbe dovuto salvare i segratesi dal traffico della Bre.Be.Mi ? –hanno sottolineato- Un tratto verrà costruito dalla società Serravalle e collegherà l’uscita Lambrate della Tangenziale Est fino al centro intermodale dove costruiranno il futuro centro commerciale. E l’altro tratto?”.

Anche in questo caso il Sindaco ha chiare risposta e situazione: “Anche la Cassanese a Segrate non è stata dimenticata e la BreBeMi non vi ha lavorato solo perché era già presente il precedente progetto di Regione Lombardia finalizzato alla realizzazione della variante in trincea della stessa Cassanese –ha spiegato Alessandrini Questa variante passerà proprio di fronte alla vecchia dogana”.

Sulla Dogana e l’ultimo tratto della variante, il Sindaco ha inoltre chiarito: “La scelta di spostare il Centro Polifunzionale da San Felice alla Dogana è stata presa proprio per risolvere il problema della viabilità e non per ampliarlo o per riqualificare una zona dismessa e degradata –ha spiegato- Le risorse generate della nuova costruzione faranno infatti sì che si possa realizzare la tratta finale della variante, dato che non vi erano soldi pubblici disponibili per questo

Ma il Movimento 5 stelle segratese, non dimentica il futuro centro commerciale Westfield, destinato ad essere tra i più grandi d’Europa, portando anche un enorme afflusso di gente: “Nonostante la Città di Segrate sia ormai congestionata dai problemi di traffico e viabilità caotica –hanno lamentato i pentastellati- Segrate sarà maggiormente congestionata dai Camion che riforniranno il Centro Commerciale e da tutti i migliaia di Clienti del Westfield Milan, e i poveri segratesi saranno costretti a sorbirsi sempre più rumore di automobili e TIR, la visione dei veicoli in colonna e i fumi di scarico”.

La stoccata finale al primo cittadino, il Movimento l’assesta così, alzando i toni della provocazione e senza andare per il sottile : Grazie Sindaco per i suoi progetti e le sue grandi vedute! Il suo lascito alla cittadinanza è una Segrate bella solo esteticamente”.

Rispondendo a questo, Alessandrini fa parlare un elenco di opere realizzate: “La nostra bella Segrate è una Città piena di servizi e di qualità di vita, con le scuole prime nella Provincia di Milano, con una rete ciclabile da assoluto primato, con iniziative che non hanno pari rivolte alla salute dei suoi cittadini, con finalmente un vero centro città come mai era stato, e giudicata la più attrattiva della Provincia, più ancora del capoluogo”.

Queste le parole del primo cittadino,
che se non lascia commento rispetto all’ambizioso progetto australiano del Westfield e alle sue conseguenze, non lascia però senza replica e spiegazioni, alcuna delle accuse ricevute dal Movimento 5 stelle.

Da parte loro, gli esponenti del movimento non sembrano accontentarsi facilmente, e con ogni probabilità non cesseranno di porre questioni e osservazioni su una Segrate che loro continuano a definire: “Piena di problemi: smog, traffico, rumore, cemento e…. caos”.