CERNUSCO
SI CHIUDE DAVANTI ALLE AUTORITA’ IL TORNEO DEDICATO ALLA MEMORIA DI LUIGI SCOTTI

“Penso che Luigi Scotti avrebbe apprezzato che i suoi amici, la sua Cernusco lo ricordassero con un trofeo sportivo.
Sport, sana competizione, impegno e attenzione al sociale erano i suoi valori. Valori che con il Trofeo Memorial Scotti abbiamo voluto dedicare alla moglie Luciana, alla sua famiglia e alla Città di Cernusco
“.
Gianluigi Frigerio ha commentato così la chiusura del VI° Memorial Luigi Scotti, trofeo di tennis ideato e organizzato dallo stesso Frigerio insieme a Maurizio Fioravanti. La finalissima, vinta da Mauro Mercuri del Club Molinetto, è stata un grande successo di pubblico, con oltre 300 spettatori tra i quali numerose autorità.
Tra le istituzioni, non hanno voluto mancare all’appuntamento il presidente della Bcc Cernusco Sirtori, il Sindaco cittadino Eugenio Comincini, il Consigliere Regionale Fabio Altitonante, i Presidenti di Rotary Martesana e Lions Club e l’Assessore al Bilancio di Pioltello Matteo Monga.
Un ringraziamento particolare dobbiamo farlo ai volontari del Tennis Cernusco, del Rotary Martesana, di BCC Cernusco ed Enjoy sport -ha raccontato Frigeriosenza dimenticare le aziende e i commercianti del territorio che hanno sostenuto anche quest’anno il Trofeo tennistico, un appuntamento per la Martesana e per gli appassionati di sport”.
E parlando di sport nel concreto, la finalissima ha visto la vittoria, come detto, del casalingo Mauro Mercuri, che ha sconfitto con un 6-2, 6-1 Giovanni Sabadini del Tennis Lecco.
Il trofeo è stato dunque un enorme successo anche quest’anno, e la sua organizzazione come sempre, è dedicata alla moglie di Luigi Scotti, Luciana e a tutta la sua famiglia, con un pensiero sempre accesso per l’amico scomparso.
Pensare a Luigi Scotti significa pensare al suo forte legame con Cernusco, le sue tradizioni e il suo territorio. Appassionato di cultura, dello sport e della convivialità -ha concluso Frigerio– amava girare in bicicletta per le vie del paese e fermarsi a parlare con gli amici della sua vecchia Cernusco: parlando in dialetto e ascoltando la gente. Ha fondato il Rotary Club della Martesana ed è sempre stato attivo a sostegno delle scuole, dello sport e della cultura”.