CARUGATE
DAI COMMERCIANTI UNA PETIZIONE PER APRIRE VILLA GALLERANI AL PUBBLICO

Sono passati più di dieci anni dal primo censimento nazionale “I Luoghi del Cuore”,
iniziativa promossa dal FAI che chiede a tutti i cittadini di segnalare i piccoli e grandi tesori che amano e che vorrebbero salvare.

Una commerciante di Carugate, Marina Genchi, ad ogni censimento si reca sul sito dell’iniziativa per votare il proprio luogo del cuore: Villa Gallerani.
Quest’anno però la signora Genchi ha pensato che la propria adesione non fosse sufficiente e ha deciso di fare molto di più: “Ho capito che sarebbe stato molto più efficace coinvolgere i cittadini direttamente, tramite la rete dei commercianti che operano sul territorio, ho così contattato il Sig. Barlassina, il responsabile FAI di zona, il quale mi ha mandato i moduli per far firmare la petizione”.

Dal signor Barlassina, il quale ha avuto modo di fare un sopralluogo, è arrivata anche la conferma che la villa versa in un buono stato ed è quindi potenzialmente accessibile al pubblico.

L’oggetto della petizione riguarda la possibilità di aprire al pubblico la villa, anche solo per tre-quattro volte l’anno.
Una richiesta semplice, ma che farebbe la felicità di molti: “Benché sia una residenza privata, tutti i carugatesi sono molto legati affettivamente a Villa Gallerani. Quando erano in vita i vecchi proprietari si rendevano volentieri disponibili ad aprire la villa ma da molti anni questo non è più possibile. Con questa iniziativa, vorremmo mandare un messaggio agli eredi, affinché vengano incontro al desiderio della cittadinanza”.

L’iniziativa sta avendo molto successo: “In questi giorni, sto contattando i negozianti e tutti accettano molto volentieri di aderire all’iniziativa e anche i clienti, una volta spiegato di cosa si tratta, aderiscono in massa”, ha continuato la Marina Genchi.

Villa Gallerani Melzi D’Eril risale al tardo 1400 ed è famosa, oltre che per aver ospitato Cecilia Gallerani, la “Dama con l’ermellino” leonardesca, per il suo affresco policromo al piano terreno che decora una volta a forma di stella (vedi foto sottostante).

C’è tempo sino al 30 novembre per firmare la petizione cartacea (maggiori informazioni presso l’agenzia di viaggi Siddharta) oppure online sul sito dedicato all’iniziativa. Marina Genchi intanto pensa già al futuro: “Mi piacerebbe contattare le associazioni culturali della martesana e con loro organizzare un percorso ciclabile tra le ville storiche del territorio, soprattutto in vista dell’Expo”.

VALERIA MANTEGAZZA

L'affresco policromo che decora la volta a stella
L’affresco policromo che decora la volta a stella