CARUGATE
IN ARRIVO UN PIANO PER CONTRASTARE LA DIPENDENZA DA GIOCO D’AZZARDO

Dodici esercizi con slot machine, circa quarantuno macchinette, una sala scommesse (autorizzata dalla questura), questi sono i numeri riguardanti il territorio carugatese che il Sindaco Umberto Gravina ha snocciolato durante l’incontro di venerdì scorso, organizzato dai giovani del PD sulla ludopatia.

Un fenomeno, quello della dipendenza dal gioco d’azzardo, in preoccupante crescita. Secondo i dati forniti da Alfio Lucchini, psichiatra e Direttore del Dipartimento delle dipendenze della ASL Milano 2, dal 2010 al 2013 si è passati da 35 persone prese in carico dai servizi della nostra ASL a 138, “Piccoli numeri, ma che denotano un’impennata davvero preoccupante” ha dichiarato Lucchini.

Come rispondere a questo fenomeno?
Il piano d’intervento riguarda diversi ambiti, dall’apertura di sportelli, all’intervento nelle scuole, dai corsi obbligatori per i gestori di locali, all’istituzione di un osservatorio misto tra ASL e conferenza dei sindaci.

In questi ultimi anni -rileva Fabio Pizzul, consigliere regionale PD- ci si è resi conto che il fenomeno del gioco d’azzardo è, nella più rosea delle ipotesi, un’attività a saldo zero per lo stato, poiché gli introiti a essa correlati sono ampiamente compensati dalla spesa sanitaria e sociale provocata dalla ludopatia”.

Tra gli interventi, anche quello del responsabile di Spazio Giovani Martesana, Nico Acampora, che ha presentato i dati di una recente ricerca condotta dai Centri di Aggregazione Giovanile sugli adolescenti della martesana. Numeri che parlano chiaro e che testimoniano la diffusione di questa pratica anche tra i giovanissimi. “Non vogliamo criminalizzare nessuno – ha spiegato Acampora – ma cogliere l’occasione per proporre un patto tra i diversi attori sociali, finalizzato a contenere il dilagare del gioco d’azzardo e dei rischi correlati

Anche i cittadini possono fare qualcosa, fino al 27 di marzo infatti sarà disponibile presso il comune di Carugate la raccolta firme per una proposta di legge di iniziativa popolare, che verrà consegnata a Milano, in occasione della manifestazione “Fa la cosa giusta”, alla Presidente della Camera Laura Boldrini.

 

Articolo di: Valeria Mantegazza