CARUGATE
ARRIVA LA POSIZIONE UFFICIALE DELLA MAGGIORANZA

Molti cittadini, e numerosi sostenitori del PD cittadino, chiedono da tempo un’assemblea pubblica dell’amministrazione, per meglio chiarire la situazione confusa e difficile in cui versa la politica del paese.  Ebbene, dopo la mozione di sfiducia presentata dall’opposizione, la reazione della maggioranza non si è fatta stavolta attendere: un comunicato stampa ufficiale, e un incontro pubblico con la cittadinanza indetto per il 10 aprile, i cui dettagli verranno specificati in seguito.

“Ci sarebbe da chiedersi se i cittadini sono interessati a queste schermaglie tra sigle di partito, o vogliono che la giunta vada avanti sempre con maggiore impegno ad amministrare Carugate in tempi sempre più difficili”. Si legge questo nelle prime righe della comunicazione che illustra la posizione ufficiale del PD carugatese.

In merito alla mozione l’idea dell’amministrazione è chiara: “è uno strumento estremamente serio da utilizzare laddove si può sperare in una rottura all’interno del partito di maggioranza. In questo caso mancano totalmente i presupposti -si legge nel comunicato-  […] Deduciamo che ci troviamo di fronte all’ennesimo tentativo di ricerca di visibilità da parte degli esponenti delle diverse forze opposizione, che invece di occuparsi di Carugate e fare amministrazione, si preoccupano di fare giochetti politici“.

Ieri vi abbiamo proposto le ragioni per le quali, i capigruppo di opposizione, ritengono opportuno sfiduciare il Primo Cittadino Gravina. A questo proposito il Sindaco e il partito tutto replicano alle accuse: “Si afferma che la maggioranza attuale non rispecchia l’esito del voto. La maggioranza attuale è invece rappresentativa del voto dei cittadini alle ultime elezioni comunali e i numeri in Consiglio Comunale lo dimostrano. Non c’è un rapporto causa-conseguenza tra il ritiro delle deleghe a 2 Assessori e il ritorno alle urne”

Sulla vicenda Carosello, il documento a firma PD inizia a prendere toni forti: “La vera scorrettezza è stata quella di diffondere e spacciare per ufficiali idee e bozze che di ufficiale non avevano nulla, ingannando anche parecchi cittadini”

L’ultimo sassolino dalla scarpa, l’amministrazione se lo leva tornando a parlare degli ex alleati, e dei nuovi giovani dell’opposizione, entrambi soggetti con i quali da tempo i rapporti sono tesi al limite: “Prendiamo atto che, proprio coloro che pubblicamente ci accusavano di premeditare un’alleanza con il gruppo di ProCarugate non hanno perso occasione per schierarsi al loro fianco insieme a Lega e PDL. Invece constatiamo l’ennesimo errore di ProCarugate che segue le logiche di quella vecchia politica che a parole vorrebbero superare, e si lasciano continuamente infilare in questi giochetti di partito perdendo di vista le vere questioni che riguardano la città”.