RUGBY
CERNUSCO VINCE 41 A 0 E SI PIAZZA SECONDO IN CLASSIFICA

Domenica perfetta! Il Rugby Cernusco si impone con un secco 41-0 sul campo dell’ASR Milano e approfitta del passo falso del Rugby Cologno per conquistare la seconda posizione in classifica.

La strategia di Gazzoni (coadiuvato in panchina dalla storica ala cernuschese Davide Zapparoli) rimane sempre la stessa: acquisire subito un buon margine per poi gestire il risultato nel secondo tempo.

Tra tutti gli atleti disponibili, i due coach scelgono di mandare in campo quelli tra di loro più affiatati, ed i risultati sono subito sotto gli occhi di tutti.

La mischia è micidiale, i primi otto grigio amaranto giocano quasi a memoria regalando al pubblico del Giuriati dei “carretti” che si vedono raramente in una partita di serie C. La prima linea non sbaglia neanche un ingaggio e la coppia Barisione – Scaglia fa il buono e il cattivo tempo in touche, dando vita a delle azioni devastanti in campo aperto che mettono presto in difficoltà la compagine milanese.

La prima meta non tarda ad arrivare, ed è il solito Rescigno che con una penetrazione da manuale, schiaccia l’ovale in meta dopo solo cinque minuti di gara.

Dopo la prima realizzazione la partita si sblocca definitivamente e la macchina perfetta Cernusco, incomincia a macinare metri e la linea mediana formata da Signorini e Brioschi distribuisce ottimi palloni per i tre quarti che anche in questa occasione possono contare sull’immensa tecnica di Coropcean e sull’eleganza delle giocate di Accurli, autore quest’oggi di una prestazione eccellente coronata con una bellissima meta.

Il primo tempo si chiude con una splendida realizzazione di Coropcean, che prendendo in contro tempo i padroni di casa, percorre tutto il campo con uno dei suoi ormai famosi slalom e va a depositare la palla in meta con una semplicità che lascia tutti di stucco.

La seconda frazione di gioco parte sul punteggio di 22-0, ma la sfortuna sembra accanirsi contro il centro cernuscheseTommaso Marinelli che è costretto ad abbandonare il campo a causa di un brutto colpo alla caviglia già fortemente provata da un infortunio passato.

Ci vuole un po’ di tempo per reagire allo scossone, ma grazie ad alcune sostituzioni che portano in campo gambe e menti fresche, il controllo della partita ritorna saldamente nelle mani del CE che chiude definitivamente il capitolo ASR con altre due mete delle ali Rescigno e Caprì e una meta di mischia firmata Francesco Mucci.

Il CE è stato autore di una prova magistrale ed ha dimostrato di saper gestire tutte le situazioni di gioco. Ora bisogna solamente andare avanti così senza mai abbassare la guardia, perchè il campionato è ancora lungo, e gli avversari che rimangono da affrontare sono duri, molto duri.