CARUGATE – A far discutere ci pensano…i morti. L’opposizione attacca sul cimitero, il sindaco : “Giambitto, il Foscolo de noartri”

Non più parco fotovoltaico, trasferte del sindaco a degli assessori, ma è il cimitero questa volta ad essere nel mirino dell’opposizione carugatese.

Tornano all’attacco Lega e Pdl che negli scorsi giorni hanno diffuso un comunicato stampa sulla situazione del cimitero di Carugate.

Non piace all’opposizione la scelta dell’amministrazione di effettuare le esumazioni una settimana prima della celebrazione dei defunti. “Un provvedimento giustificato con l’emergenza, che secondo i capi gruppo Ronchi e Giambitto, denota scarsa attenzione verso i parenti dei defunti e che proprio a loro ha creato disagio”.

Sotto accusa la delibera recentemente approvata per la costruzione di nuovi ossari in vetro resina che secondo il gruppo di “Per Carugate”, “male si integrano con il resto del cimitero, come quelli posizionati precedentemente, e che riconosce “la situazione di emergenza del Cimitero per le ridotte capacità ricettive dei colombari esistenti, in quanto contrariamente alle previsioni, gli stessi sono quasi totalmente esauriti”. 

“Non si capisce come mai – sottolineano i vertici locali di Lega e Pdl – una compagine politica che amministra da 16 anni e che ha approvato piani regolatori che prevedono la crescita della popolazione, abbia sbagliato le previsioni per il cimitero“.

“Qui non è arrivata alcuna lamentela – ha replicato il sindaco Umberto Gravina – che ha sottolineato come i lavori per le esumazioni, necessarie perchè scaduti i termini trentennali previsti dalla legge, sono durati 5 giorni e terminati il 21 ottobre”

Ironico il commento del sindaco secondo cui “il comunicato di Lega e Pdl potrebbe essere il testo del prossimo tema di maturità. Le tracce che proporrei agli studenti dice Gravina, sarebbero: Il Foscolo de “noartri”. I sepolcri secondo Giambitto oppure Giambitto arbiter dell’arte funeraria”.

“Scherzi a parte – conclude il sindaco – il bando per la costruzione dei nuovi loculi é stato fatto proprio per scongiurare l’emergenza, tutto il resto è vaniloquio”.