SEGRATE – Aerei, Sea ricorre in appello per non risarcire i cittadini di Redecesio

Nonostante la condanna, la Sea non ci sta a risarcire i cittadini di Redecesio (Segrate). Risale a più di un mese fa la sentenza: il Giudice della prima sezione del Tribunale civile, dando ragione ai cittadini di Redecesio (Segrate), aveva condannato Enac, Ministero dei Trasporti e Sea, società che gestisce gli aeroporti di Linate e Malpensa, a risarcire i cittadini per gli elevati livelli di rumore che hanno dovuto sopportare a causa degli aerei di Linate. Ai cittadini, riuniti nel Comitato Redecesio Vivibile, spettano la bellezza di 750mila euro.

La Sea, però, è ricorsa in appello per chiedere al giudice l’annullamento di questa decisione. Ma i cittadini non demorderanno e annunciano che hanno tutta l’intenzione di appellarsi e di continuare la guerra con una class action per chiedere agli enti il rispetto delle norme sul rumore aereo, installando centraline di rilevamento e avviando un piano per il risanamento acustico.