SEGRATE – “Accordo Lucchini Artoni”. L’altolà di “Segrate Nostra”

L’ oggetto del contendere è l’insediamento produttivo della “Lucchini Artoni”.

Grazie a un accordo tra azienda e Amminisrazione comunale sarà possibile realizzare il prolungamento di Via Europa per alleggerire il traffico a Segrate in cambio di un capannone che potrebbe sorgere a ridosso del parco delle Cascine di Pioltello per le lavorazioni dell’azienda.

“L’azienda deve trovare un’altra collacazione, si legge in un comunicato di Segrate Nostra in modi e tempi che devono garantire l’occupazione, ma senza alternative”.

Secondo “Segrate Nostra” perfino la Provincia di Milano avrebbe mostrato qualche perplessità sull’intervento in merito alla  “sostenibilità ambientale dell’intervento, l’impatto su territori “liberi e di pregio”, l’impatto idrogeologico conseguente alla impermeabilizzazione dei suoli, i rischi per la falda acquifera e la tutela della roggia che attraversa l’area”

Insomma a “Segrate Nostra”, quella della “Lucchini Artoni” è un operazione che proprio non va giù, sia per l’ubicazione dell’area in questione, che per una serie di comportamenti messi in atto dall’azienda che a detta del gruppo consiliare “non sempre si sono dimostrati regolari”