MELZO – L’Amministrazione si unisce all’AIDO per promuovere la donazione degli organi

“Il trapianto è una risorsa straordinaria della medicina moderna e con esso si può salvare una vita umana. Con il trapianto, il malato è restituito a una vita normale ed attiva“. Con queste parole, l’Amministrazione comunale di Melzo dichiara il suo appoggio all’Aido, Associazione Nazionale Donatori di Organi, per l’avvio di una campagna di sensibilizzazione e di promozione della donazione di organi promossa dalla locale sezione Aido.

Per questo, chi volesse ricevere informazioni, d’ora in avanti, oltre a trovarle presso la sede dell’Aido (via De Amicis 7) potrà rivolgersi anche allo Sportello Polifunzionale SpazioCittà del Comune, dove troverà materiale informativo e potrà compilare e consegnare la sua dichiarazione di volontà.

L’iniziativa – ha dichiarato l’Assessore Massimo Del Signore non vuole solo rispondere a una precisa indicazione della legge 91 (che appunto considera gli sportelli comunali tra i punti dove poter manifestare la propria volontà), ma rappresenta anche un nuovo e importante momento di collaborazione con il Gruppo Aido locale per la promozione della solidarietà e della cittadinanza attiva. Ci sono ancora troppi indecisi e nel momento della necessità dell’espianto di organi, un momento difficile per le famiglie che non accettano la morte e si trovano costrette a pensare alla donazione, questa indecisione si trasforma inun “no”. Bisogna riflettere ora, e pensare che donare un organo aiuta a vivere un’altra persona. Ma anche chi non è favorevole alla donazione dovrebbe sottoscrivere il suo “no”. Nonostante tutti gli sforzi messi in campo in questi anni sono ancora pochi i cittadini melzesi che hanno formalizzato la propria scelta di donare o meno gli organi. L’obiettivo della campagna è di raggiungere nel corso dei prossimi mesi il maggior numero possibile di melzesi e soprattutto di offrire loro la possibilità di formalizzare la propria scelta. Qualunque sia”.

DICHIARAZIONE DI VOLONTA’. La legge garantisce la libertà di scelta sulla donazione e garantisce che la scelta sia rispettata. E’ possibile dare il consenso all’AIDO (Associazione Italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule) o alle ASL, o esprimere il diniego alla donazione solo presso le ASL e modificare la volontà espressa nel corso degli anni. I parenti non possono opporsi, se la persona in vita ha dato consenso alla donazione.

E’ possibile manifestare la propria volontà presso gli sportelli delle ASL, presso gli Uffici Anagrafe dei Comuni che partecipano a campagne per la promozione della donazione, presso le sedi AIDO con una dichiarazione in carta libera completa di tutti i dati personali.Tale dichiarazione è registrata e consultabile attraverso il Sistema Informativo Trapianti.