COLOGNO MONZESE – La campagna contro il nucleare va avanti: in città nasce un Comitato

Fiocco rosa a Cologno: è nato, nei giorni scorsi, il «Comitato contro il nucleare». Per la prima volta i cittadini ostili a questa forma di energia si sono riuniti in un gruppo ufficiale, che ha già un suo direttivo e un portavoce, Luigi Russo.

«Nel 1987 – ha spiegato Russo nel presentare il neonato sodalizio – gli italiani venivano chiamati a votare per un referendum abrogativo che chiedeva di decidere come gestire l’energia nucleare. Ben l’80% dei votanti si dichiarava contrario. In questi ultimi anni, a seguito dell’effettivo bisogno di energia, meglio se a costi contenuti, non solo si è tornato a parlare di centrali nucleari, ma il piano del Governo va nella direzione di una spasmodica ricerca di siti in cui insediare reattori per la produzione di energia atomica. Ma sono sicuri questi siti? Noi pensiamo di no, dal momento che viviamo in un Paese notoriamente disseminato di zone sismiche».

Anche se il referendum è stato cancellato, il Comitato si è dato il compito di sostenere e divulgare la campagna contro il nucleare e coinvolgere tutti i cittadini «nella speranza che anche in Italia si possa investire nelle energie pulite e rinnovabili», ha concluso Russo.

Mirko Vergottini