BRUGHERIO – Visitare una fiera senza visitarla nella realtà: l’Amministrazione lancia “Fiera virtuale 3D”

Visitare una fiera senza muoversi da casa? Da oggi è possibile a Brugherio dove, per volontà dell’Amministrazione comunale, è nata la Fiera virtuale in 3 dimensioni. Un vero e proprio strumento di marketing multidimensionale che permette all’imprenditore o al visitatore di passeggiare all’interno di stand in 3 dimensioni, guardando i prodotti in vetrina e scoprendone le relative caratteristiche, senza esserci veramente.

Possiamo forse dire che alle realtà virtuale ci stiamo pian piano abituando. Ma suscita sempre un certo effetto il pensiero di poter fare qualcosa senza farla nella realtà. L’idea presentata ieri a Brugherio vuole proprio questo, e si tratta della prima iniziativa di questo genere in Italia.

In Sala Consiliare, alla presentazione del progetto, erano presenti il sindaco Maurizio Ronchi e i rappresentanti di Network League, concessionaria pubblicitaria multimediale, partner dell’amministrazione.

Detta in parole semplici, il progetto prevede uno spazio online in cui commercianti e imprenditori potrebbero allestire stands in tre dimensioni per la promozione dei loro prodotti in rete. Ma questo è dirlo in parole semplici perché le caratteristiche di “Fiera Virtuale 3d” sono ben altre.

L’innovazione sta essenzialmente nella possibilità di visitare le soluzioni direttamente dal proprio computer (dopo il download di un apposito plug-in) e di passeggiare all’interno dello spazio espositivo curiosando tra i prodotti. L’organizzatore quindi allestirà in piena autonomia la fiera che potrà essere visitata nel sito della manifestazione e condivisa attraverso sistemi di social networking. L’utente potrà vivere un’esperienza vicina a quella reale visitando la fiera virtuale attraverso l’uso di un avatar e camminando negli spazi virtuali, condividendo le informazioni con gli altri utenti tramite chat. Sarà anche possibile mettersi in comunicazione con i responsabili dell’azienda visualizzati in veri e propri Avatar, parlare con loro e tenere delle conferenze via Skype.

Insomma il futuro diventerà reale proprio partendo dall’imprenditoria di Brugherio che verrà coinvolta nel progetto e poi di tutta la Brianza.

Per darvi un’idea di quello che potrebbe essere “Fiera virtuale in 3D”, poponiamo un link tratto dal sito Internet di Network League, che illustra proprio le potenzialità del 3D.