MARTESANA LAVORO
AL “PIAMARTA” OPPORTUNITA’ PER DISOCCUPATI E INOCCUPATI

Sei maggiorenne, disoccupato o non ancora occupato, e vorresti accedere a corsi gratuiti per facilitare la ricerca o il reinserimento al lavoro ?
Il Centro Piamarta di Milano Cimiano, fa parte degli istituti che hanno avviato i Corsi Gratuiti Finanziati da Regione Lombardia. Una grande opportunità dunque per chi cerca lavoro.


DI COSA SI TRATTA

La Regione Lombardia, con una delibera dello scorso anno, ha finanziato una azione da 48 milioni di Euro chiamata “Occupati in Lombardia – Dote unica lavoro. Il programma prevede prima di tutto la formazione di competenze che creino nuova occupazione, attraverso corsi di formazione fortemente professionalizzanti, tutti completamente gratuiti.


AL PIA MARTA, DUE CORSI GRATUITI

Il Centro Padre Piamarta di Milano, che come detto partecipa a questa iniziativa rivolta ai non occupati e disoccupati maggiorenni, ha attivato al momento due corsi gratuiti di 80 ore per le persone che rientrano nella fascia 3 di aiuto per la dote lavoro (clicca qui per vedere in quale fascia rientri). I corsi sono i seguenti, e avete le prossime settimane davanti per informarvi ed iscrivervi.

tecniche di saldatura ( 40 ore + 40 )
cameriere nella ristorazione ( 80 ore) 


CATEGORIE CHE POSSONO ACCEDERE AI CORSI

Per iscriversi ai corsi dell’Istituto Piamarta, bisogna essere lavoratori che rientrano in alcune precise categorie, di seguito elenchiamo quelle che possono iscriversi ai progetti di Dote Lavoro:

– rientrare nella fascia 3 di aiuto per la dote lavoro
– a essere maggiorenni e residenti o domiciliati in Lombardia
– essere inoccupati
– essere disoccupati provenienti da aziende lombarde
– essere in mobilità in deroga alla normativa vigente o che abbiano presentato domanda ad INPS;
– essere iscritti o in attesa d’iscrizione nelle liste di mobilità ordinaria ex l. 223/91;
– essere iscritti nelle liste di mobilità ordinaria ex l.236/93 licenziati al 30.12.2012;
– essere percettori di disoccupazione ordinaria o di altre indennità come ASpI e MINI ASpI
– essere disoccupati non percettori d’indennità.
– essere occupati ma sospesi per cessazione d’attività, procedura concorsuale o in presenza di accordi che prevedano esuberi
– essere occupati ma percettori di Cassa integrazione Guadagni in deroga alla normativa vigente (CIGD) Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS);
– essere occupati ma con accordi contrattuali che prevedano quote di riduzione dell’orario di lavoro (in particolare Accordi/Contratti di solidarietà)
– essere occupati ma nell’ ultimo periodo di CIGD senza possibilità di rinnovo.

 

Se avete letto e rientrate nelle casistiche elencate, cliccate qui per avere tutte le informazioni e contattare la scuola.