fake id california fake id online maker texas id best state for fake id fake id review illinois fake id fake id usa reddit fake id how to get a fake id how to get a fake id buy usa fake id buy fake id fake school id connecticut fake id cheap fake id best fake id fake id maker fake id god fake id website Fake id generator Fake id Fake id maker reddit fake id/ how to make fake id fake drivers license/ best fake id
cheap ray ban sunglasses outlet cheap oakley outlet sale cheap Ray Ban sunglasses online cheap Ray Ban sunglasses outlet uk Cheap Ray Bans Outlet cheap ray bans sale cheap ray ban glasses Ray ban sunglasses for cheap cheap ray ban sunglasses cheap ray ban glasses outlet cheap ray ban glasses cheap oakley sunglasses outlet Wholesale oakley sunglasses cheap oakley sunglasses online occhiali da sole ray ban clubmaster oakley Italia ray ban italia occhiali da sole ray ban outlet
3058-buone-ragioni

COLOGNO MONZESE
CONTINUA LA LOTTA CON L’AMMINISTRAZIONE PER LA CHIUSURA DELLA SCUOLA D’ITALIANO PER STRANIERI

giu 16 • CronacaNessun commento

Continua la lotta con l’amministrazione comunale di Cologno Monzese, in merito alla decisione di quest’ultima di non foraggiare più i progetti nè di rinnovare la cessione degli spazi comunali che ora ospitano la Scuola d’Italiano per Stranieri e il Centro Interculturale delle Donne. Questo, per l’associazione, significherebbe chiusura totale dei servizi. La scelta di chiudere, come ha già spiegato l’assessore alla Cultura, Dania Perego, sarebbe data dall’eccessivo investimento (circa 40.000€ all’anno) a carico del comune per un servizio “destinato ad una piccola fetta di popolazione” e per attività “che si potrebbero redistribuire nelle diverse associazioni che svolgono gli stessi percorsi gratuitamente sul territorio”.

Le risposte a tale decisione non hanno tardato ad arrivare, dai ripetuti incontri con la Giunta comunale alla nascita del Comitato 16 Marzo, che si è fatto carico di portare avanti la lotta per sostenere questi servizi. L’istanza del Comitato è stata adottata anche da vari gruppi di opposizione in consiglio comunale, quali il Partito Democratico e la lista civica Cologno Solidale e Democratica, oltre a trovare l’appoggio di molti cittadini e realtà sociali come ANPI Cologno, Associazione Cittadini per la Salute, Associazione Culturale Benincomune, Associazione Oltre i Confini Onlus, Associazione QuiAltrove, CGIL Cologno, Cobas Cologno, Cologno Libera, Cologno Social Media, Coordinamento Donne Socialiste Area Metropolitana di Milano, FNP CISL Cologno, Libera Casa Contro le Mafie, MIMOPO Commercio Equosolidale, Partito Socialista Cologno, Rivista Poliscritture, Sinistra Anticapitalista, Sinistra Colognese eUnione Inquilini.

Lo scorso 24 maggio, quindi, il Comitato 16 Marzo ha promosso una raccolta firme per chiedere all’amministrazione Rocchi di fare un passo indietro rispetto alla decisione presa. I risultati sono stati sorprendenti, 3058 adesioni raccolte, sia di cittadini colognesi italiani e stranieri, sia di ex cittadini ora migrati in altri comuni per lavoro, che hanno voluto dimostrare la loro solidarietà ad un progetto nato nel loro comune di origine. “Sono numeri mai visti a Cologno – ha commentato la consigliera di Cologno Solidale e Democratica, Loredana Verzino -. Abbiamo presentato le firme al sindaco chiedendo che venga ridiscusso il tema”.

La faccenda, comunque, dimostra degli aspetti molto complicati, in quanto, come spiega Loredana Verzino:Questi servizi oggi sarebbero a costo zero per l’amministrazione perch il CPIA di Cinisello sarebbe disposto fornire le risosrse economiche per pagare i corsi offerti dal Centro. L’amminisrazione dovrebbe solo fornire i locali”.

CPIA (Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti) sono difatti delle scuole statali istituite dal Ministero dell’Istruzione per offrire ai cittadini italiani e agli stranieri servizi ed attività per l’educazione in età adulta. “Il Centro quindi non offrirebbe solo corsi di lingua agli stranieri, ma anche corsi di informatica e di lingua per cittadini italiani che vogliano rendere spendibili le loro competenze” spiega Verzino.

I NUMERI DELLA SCUOLA

La Scuola d’Italiano per Stranieri, infatti, dal 1992 ha offerto a circa 3.500 adulti stranieri, cittadini regolari, la possibilità di conseguire i certificati di competenze e di lingua L2 indispensabili per ottenere il permesso di lungo soggiorno. Inoltre, ad oggi la Scuola è l’unica, nel territorio cittadino, ad essere autorizzata al rilascio di questi certificati.

Nel 2015 sono stati 250 gli iscritti ai corsi di lingua e 180 le iscritte donne, sia italiane che straniere, presso il Centro Interculturale delle Donne. Numeri che, spiega il Comitato 16 Marzo “sarebbe difficile trasferire in altri centri, come nelle intenzioni dell’amministrazione”.

“Noi continuiamo a mostrare dissenso verso la decisione dell’amministrazione di chiudere questi due servizi – ha proseguito Verzino -. Abbiamo chiesto ed ottenuto di inserire il tema nell’ordine del giorno del possimo consiglio comunale, che si terrà martedì 20 giugno”. La causa proprio in questi giorni ha trovato un nuovo sostenitore: si tratta del Movimento 5 Stelle nella figura del consigliere Monica Motta, che si è unito al PD e alle liste civiche per chiedere la discussione del tema. “Pensiamo che questi servizi debbano rimanere aperti oggi più che mai, dato che il tema dell’integrazione è all’ordine del giorno in tutti i comuni italiani” ha concluso Verzino.

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »