fake id california fake id online maker texas id best state for fake id fake id review illinois fake id fake id usa reddit fake id how to get a fake id how to get a fake id buy usa fake id buy fake id fake school id connecticut fake id cheap fake id best fake id fake id maker fake id god fake id website Fake id generator Fake id Fake id maker reddit fake id/ how to make fake id fake drivers license/ best fake id
cheap ray ban sunglasses outlet cheap oakley outlet sale cheap Ray Ban sunglasses online cheap Ray Ban sunglasses outlet uk Cheap Ray Bans Outlet cheap ray bans sale cheap ray ban glasses Ray ban sunglasses for cheap cheap ray ban sunglasses cheap ray ban glasses outlet cheap ray ban glasses cheap oakley sunglasses outlet Wholesale oakley sunglasses cheap oakley sunglasses online occhiali da sole ray ban clubmaster oakley Italia ray ban italia occhiali da sole ray ban outlet
MULTICULTURAPIOLTELLO

COLOGNO MONZESE
CITTA’ IN FESTA PER CELEBRARE LE CULTURE

mag 17 • HomeNessun commento

“Una grande giornata di festa, per trasmettere l’idea che Cologno sia una città aperta ed accogliente per tutti” così Costanza Bargellini, responsabile della Scuola di Italiano per Stranieri, ha definito la Festa delle Culture, evento tenutosi sabato 14 maggio nella piazza centrale dell’isola pedonale di Cologno.

Le vere protagoniste della giornata sono state proprio le culture, tantissime e variegate, di tutte le nazionalità dei cittadini che hanno preso parte alla festa, nonché una buona parte degli allievi della Scuola di Italiano per Stranieri e dei frequentatori del Centro Culturale delle Donne.

Una splendida giornata di sole e la piazza gremita di centinaia di persone riunitesi per attività, giochi e laboratori, hanno decretato il successo dell’iniziativa.  A catturare in particolare modo il pubblico è stato il festoso contributo volontario della Banda di Ottoni di Cologno, da trent’anni al fianco degli ultimi e degli indifesi, e le danze popolari internazionali che hanno saputo coinvolgere grandi e piccoli.

“Abbiamo proprio puntato sul coinvolgimento di tutti - ha continuato Costanza Bargellini - perché volevamo creare un’occasione di aggregazione; far  avvicinare persone, anche molto diverse per età o provenienza, che prima non si conoscevano ma che,  facendo attività nuove, hanno scoperto di stare bene insieme”

Fra le altre attività portate in piazza per l’occasione c’è stata la Biblioteca Vivente, un recente progetto che propone una via alternativa al leggere i libri: parlare direttamente con i loro autori! I libri che, difatti, diventano viventi, erano infatti persone in carne e ossa, disponibili a raccontare la loro storia a chi interessato. Un’occasione che si è rivelata ottima per far entrare i lettori in diretto contatto con persone con cui, altrimenti, difficilmente avrebbero avuto occasione di confrontarsi. E ancora, non sono mancati decorazioni all’henna, letture di fiabe in più lingue, dimostrazioni di tecniche basilari di difesa personale e, addirittura, aperitivi in lingua  straniera che hanno offerto l’opportunità di praticare una lingua straniera e, allo stesso tempo, di socializzare con coloro che invece la parlano già perfettamente.

“Siamo molto soddisfatti dalla buona riuscita della giornata - ha dichiarato Giovanni Carissimo, portavoce della Casa in Movimentol’idea di organizzare una festa ci è sembrata la più adatta per creare un’iniziativa piacevole attraverso cui  fruire di temi importanti e delicati. Questa volta abbiamo deciso di far prevalere l’elemento di aggregazione perché, solo quando  realmente si incontrano persone diverse per fare cose insieme, si riesce a sfondare il muro della diffidenza e della paura“.

La giornata infatti, è da ricondursi ai recenti fatti accaduti a Cologno che, a partire da febbraio ad oggi,  hanno condotto alla chiusura della Scuola di Italiano per Stranieri e del Centro Culturale delle Donne (ve ne avevamo parlato qui, qui e qui) e della nascita del Comitato 16 Marzo in loro difesa (ne avevamo parlato qui). Proprio a tal proposito, in occasione della festa si è conclusa la raccolta firme – che si aggira sulle 2.000 – cominciata ad aprile, e che il Comitato ha intenzione di presentare in comune per richiedere che della chiusura dei due centri si discuta in un apposito consiglio comunale aperto a tutti.

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »