fake id california fake id online maker texas id best state for fake id fake id review illinois fake id fake id usa reddit fake id how to get a fake id how to get a fake id buy usa fake id buy fake id fake school id connecticut fake id cheap fake id best fake id fake id maker fake id god fake id website Fake id generator Fake id Fake id maker reddit fake id/ how to make fake id fake drivers license/ best fake id
cheap ray ban sunglasses outlet cheap oakley outlet sale cheap Ray Ban sunglasses online cheap Ray Ban sunglasses outlet uk Cheap Ray Bans Outlet cheap ray bans sale cheap ray ban glasses Ray ban sunglasses for cheap cheap ray ban sunglasses cheap ray ban glasses outlet cheap ray ban glasses cheap oakley sunglasses outlet Wholesale oakley sunglasses cheap oakley sunglasses online occhiali da sole ray ban clubmaster oakley Italia ray ban italia occhiali da sole ray ban outlet
segratevarianteviamonzese

SEGRATE
NUOVA VIABILITA’ DI VIA MONZESE E DINTORNI. PROTESTE DAI RESIDENTI DI VIA DEL CEDRO

lug 22 • Cronaca, Home, Politica e Amministrativa1 commento

È fissato per fine luglio l’inizio della sperimentazione del senso unico da nord verso sud in via Monzese, in prova per sei mesi. La delibera della Giunta intende trovare una soluzione all’annoso problema del traffico di attraversamento che interessa i quartieri Villaggio Ambrosiano e Rovagnasco. “In attesa di trovare una soluzione definitiva estesa, che sarà possibile solo dopo aver elaborato il Piano Urbano del Traffico, insieme ai consiglieri di Rovagnasco e Villaggio si è deciso di attivare una sperimentazione di 6 mesi sulla via Monzese” ha spiegato l’Assessore all’Urbanistica De Lotto.

via monzese

clicca per ingrandire

È noto come la strada abbia una sezione molto stretta e che ci siano molte sofferenze sia per i pedoni, che per le aree di sosta, che per l’incrocio con via Manzoni, oltre al transito difficoltoso degli autobus della linea ATM 924” ha continuato De Lotto.

La scelta di porre in fase sperimentale la soluzione urbanistica è volta a verificare la sua reale efficacia e la valutazione che i cittadini daranno di essa. “Richiediamo a tutti i cittadini di riferire problematiche e aspetti positivi che si verificheranno in questo periodo. Con la piena collaborazione da parte della polizia locale abbiamo iniziato una campagna informativa” ha concluso l’Assessore.

Alcuni cittadini non ci stanno: la mobilitazione dei residenti in via del Cedro
Ci sono però dei segratesi che già criticano la proposta dell’Amministrazione. Tra questi ci sono in particolare i residenti di via del Cedro, una delle vie che, collateralmente al nuovo senso unico in via Monzese, vedrà la propria viabilità modificata.

La delibera della Giunta è di per sé giusta, intende risolvere un problema presente da anni –ha spiegato Antonello Miranda, residente della via- Però con questo piano la nostra via, che ora ha una parte a senso unico, tornerà ad essere completamente a doppio senso”. Tornerà, proprio perché dopo anni di lotte dei residenti la via, in origine interamente a doppio senso, pochi mesi prima delle elezioni dello scorso anno aveva potuto rendere gli ultimi suoi 40 metri a senso unico, scongiurando il passaggio di un alto numero di veicoli in transito.

Il cambiamento che avevamo ottenuto dopo le nostre lotte permetteva di evitare che passassero per la via pullman, camioncini, e macchine di chi, arrivando da Vimodrone, volesse evitare due semafori e la rotonda a otto della Cassanese. Così torneremmo alla situazione di partenza” spiega Miranda. Secondo i residenti, la via sarebbe troppo stretta per un doppio senso, più stretta della vicina via dell’Olmo, dunque inadatta a tutto il traffico di mezzi che attirerebbe.

A questo punto, nonostante molti residenti siano già in vacanza e altri stiano per partire, è nata una petizione che i segratesi vogliono portare in Comune. “Oltretutto io, come cittadino, ho intenzione di presentare un ricorso al Ministero dei Trasporti, per impedire che sia messa la nuova segnaletica” conclude Antonello Miranda, aggiungendo che “Non siamo stati informati dei cambiamenti, lo abbiamo scoperto per caso consultando il sito del Comune. E in tutto questo ci è sembrato strano che l’unico assessore che non abbia firmato la delibera sia stato Poldi, residente in zona. Temiamo che sotto certe scelte ci siano secondi fini”.

La risposta dell’Assessore Poldi
Ha risposto ai residenti della via Gianluca Poldi, Assessore alla Cultura, riferimento per i quartieri Villaggio Ambrosiano. “Vivo nel quartiere da sempre e conosco bene la sua situazione –ha spiegato-  La giunta resta convinta della scelta fatta, sempre disposta ovviamente a tornare indietro nel caso in cui non si dovesse rivelare idonea”.

Non ci dovrebbe essere, ha spiegato l’Assessore, un grande aumento del traffico come paventato dei residenti. Oltretutto “La scelta per chi transita in quell’area verso la Cassanese è fra via del Cedro e via dell’Olmo. La seconda però, in cui vi sono pochissime case con parcheggi interni alla proprietà, vede spesso un gran numero di macchine parcheggiate su entrambi i lati. Inoltre, svoltando verso via del Rovere, la curva presenta una scarsa visibilità. Dunque l’attraversamento si dimostra molto più pericoloso rispetto a via del Cedro”.

Secondo la Giunta, dunque, riaprire il doppio senso in tutta via del Cedro permetterebbe di diluire meglio il traffico della zona, facendolo transitare per una via non pericolosa e dotata di visibilità migliore. Riguardo alle polemiche sollevate, Poldi risponde sostenendo di non aver firmato la delibera “perché assente quel giorno, ma totalmente in sintonia con il resto della Giunta”, e di non aver parlato, è vero, con i residenti di via del Cedro, ma di aver consultato insieme all’Assessore de Lotto l’Associazione del quartiere Villaggio Ambrosiano.

Al via dunque questi 6 mesi di sperimentazione della nuova viabilità, con l’Amministrazione convinta della propria scelta ma sempre aperta ad una possibile futura modifica, e i cittadini di via del Cedro sul piede di guerra.

Related Posts

One Response to SEGRATE
NUOVA VIABILITA’ DI VIA MONZESE E DINTORNI. PROTESTE DAI RESIDENTI DI VIA DEL CEDRO

  1. antonello scrive:

    1) Cominciamo con il codice della strada, articolo 140, regolamento di esecuzione del c.d.s., la larghezza delle corsie, deve essere scelta tra i moduli 2,75 m – 3 m – 3,25 m – 3,5 m – 3,75 m, riducibili a 2,5 m negli attestamenti delle intersezioni urbane (purché la corsia non sia percorsa dal trasporto pubblico o dal traffico pesante). Inoltre, il decreto ministeriale 5 novembre 2001, concernente “Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade” prevede:
    ” Una larghezza minima della corsia di marcia di mt 3,50
    ” Una larghezza del marciapiede non inferiore a mt. 1,50
    pertanto una strada a doppio senso di marcia deve avere come minimo se non vi e’ linea di mezzaria, almeno il doppio per ogni corsia, ma la via in cui abitiamo via del cedro, ha una larghezza totale di mt. 5.08/5.10. Pertanto non possibile percorrerla a doppio senso di Marcia.
    2) il cercare di mettere contro abitanti di vie vicine o concittadini, e’ a mio parere una cosa alquanto indegna, sopratutto se fatta da appartenenti all’amministrazione Comunale.
    Viviamo qui in maggior parte da circa 50 e più anni, siamo sempre andati in buon accordo, e abbiamo sempre cercato da buoni vicini di adeguarci ai bisogni di altri.
    Via dell’olmo e’ per noi come se fosse la nostra via, loro passano di qui per andare a casa, pur facendo metri in più, e noi passiamo di li a volte per comodità e/o necessità.
    Ma a quanto pare, per chi vive in altre vie la comodità personale e’ piu importante, non sono comunque prigionieri, hanno una via di uscita che come misure supera tutte le altre vie, perchè 58 anni fa chi ha progettato la zona, era molto avanti ed aveva già pensato a come fare defluire il trafffico in uscita (traffico che sicuramente era molto meno) ma comunque vi avevano già pensato, poi posso capire che l’assessore debba forse fare 50 mt in più per andare verso il Comune di Segrate visto che risiede in una delle 3 vie che per uscire devono farli, ma in una zona residenziale allungare, e’ il minimo se si vuole vivere in una zona più tranquilla. Inoltre, ha già la fortuna di abitare in una via chiusa e con ampio spazio davanti a casa, inoltre non bisogna in una zona residenziale o in una via piccola facilitare il traffico, ma il dovere e’ di limitarlo e dare facilità al modo di vivere.
    La famosa curva di via del rovere, non e’ assolutaente pericolosa, (mai accaduti incidenti), tanto che il comune di Segrate, ha anche fatto segnare sulla carreggiata i parcheggi, permettendo parcheggio in curvaa. Se fosse così pericolosa penso non lo avrebbe potuto fare.
    Inoltre la curva non e’ obbligatorio farla, da via dell’olmo vi sono altre uscite molto più comode.
    Fare via dell’acero strada larghissima e senza pericoli con tanto di parcheggi delimitati e fattibile anche a due bus uno in senso opposto all’altro. Via Shuster, non presenta difficoltà di uscita e’ larga e con parcheggi che non creano problemi.
    Inoltre i cari concittadini che abitano nelle vie, betulla, pino e abete, hanno già una meravigliosa fortuna, nessuno potrebbe percorrerre le loro vie se non andasse direttamente da loro, in quanto zona tranquilla e appartata.
    Avere tranquillità e sicurezza, può anche far sopportare 50 mt. in più da fare, se si e’ magari anche un pochino altruisti. Inoltre voglio ricordare che almeno dalla segnaletica posta , la nostra zona ha il limite di 30 km orari, proprio perche come riportano i segnali, vi sono bimbi, animali, persone, che usano la strada anche per camminare, visto la mancanza di marciapiede. Limiti che poi non vengono mai rispettati, e che pertanto non essendo rispettati, fanno recuperare, il famoso tempo perso a causa dell’allungamento del percorso, forse e’ questo su cui si dovrebbe dare da fare l’amministrazione, sulla velocità non riepettata e pericolosa tentuta da molti in un area 30 kmh.
    Incrocio più pericoloso? l’uscita di via del cedro su via dell’acero, dove gli incidenti accaduti hanno visto percorrere via dell’acero ad oltre 60/70 kmh (in una zona 30) e creare gravi danni agli incidentati.
    Da notare poi una cosa molto ben ideata, sulla piantina della delibera, si può notare che via dell’acero viene mostrata come se cambiasse in dppio senso, peccato che e’ cosi da quando e’ sata costruita, manca invece un pezzo di via rovere, che da via dell’olmo raggiunge l’interzsezione con via del cedro, forse una comoda dimenticanza?
    Per quanto riguarda l’assessore che dice di avere parlato con una associazione di citttadini del villaggio, facciamo presente che parecchi abitanti di detta zona, fanno parte di questa associazione, ma nessuno e’ mai stato avvisato, convocato o ha partecipato a riunioni inerenti a questo problema, l’unico cosa di cui si e’ parlato per mesi, era IL PROBLEMA DELLE ZANZARE.
    Che forse sia il traffico delle zanzare a creare problemi di circolazione?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »