fake id california fake id online maker texas id best state for fake id fake id review illinois fake id fake id usa reddit fake id how to get a fake id how to get a fake id buy usa fake id buy fake id fake school id connecticut fake id cheap fake id best fake id fake id maker fake id god fake id website Fake id generator Fake id Fake id maker reddit fake id/ how to make fake id fake drivers license/ best fake id
cheap ray ban sunglasses outlet cheap oakley outlet sale cheap Ray Ban sunglasses online cheap Ray Ban sunglasses outlet uk Cheap Ray Bans Outlet cheap ray bans sale cheap ray ban glasses Ray ban sunglasses for cheap cheap ray ban sunglasses cheap ray ban glasses outlet cheap ray ban glasses cheap oakley sunglasses outlet Wholesale oakley sunglasses cheap oakley sunglasses online occhiali da sole ray ban clubmaster oakley Italia ray ban italia occhiali da sole ray ban outlet
ascuolacolduce

SEGRATE
“A SCUOLA COL DUCE”. L’ISTRUZIONE NEL FASCISMO. RIFLESSIONE PER UNA LIBERAZIONE

apr 14 • Arte, Cultura e Spettacolo, Eventi e Appuntamenti, Home, Politica e AmministrativaNessun commento

Partono gli eventi dedicati alla celebrazione del 25 aprile, e in città il primo appuntamento è per domani 14 aprile alle ore 18.30 presso il Centro Culturale Verdi di via XXV aprile, dove verrà inaugurata la mostra “A scuola col duce. L’istruzione primaria nel ventennio fascista” , alla presenza di Roberto Cenati, Presidente ANPI provinciale ed Elena d’Ambrosio, curatrice della mostra.

L’esposizione, ideata e realizzata fin dal 2003 dall’Istituto di Storia Contemporanea “Pier Antonio Perretta” di Como, approda a Segrate grazie all’Anpi, che l’ha voluta in occasione dell’anniversario della liberazione, per ripercorrere attraverso i pannelli con le riproduzioni dei manuali scolastici, dei quaderni degli alunni del tempo, delle fotografie e dei testi, gli anni dell’istruzione sotto il regime fascista. Una scelta che può sembrare provocatoria, ma che in realtà aiuta a riflettere su quanto sia importante conoscere per attuare un processo che sia di vera liberazione, nella scuola e nella vita più in generale forse.

“L’istruzione primaria nel ventennio fascista” non è solo il sottotitolo della mostra, ma è il cuore dell’esposizione, che mira ad illustrare un’istituzione scolastica che non aveva nelle sue corde l’intento di trasmettere conoscenze e nozioni, non solo almeno, ma che puntata a formare sin dalle primissime leve, le generazioni future di soldati, balilla o figlie della lupa, sulle tre direttrici dell’obbedienza, del sacrificio e della patria. Una scuola dove insegnanti e presidi erano considerati alla stregua di “apostoli” e “sacerdoti” che dovevano educare alla fede Fascista e Cristiana, e dove l’Opera Naziona­le Balilla penetrava nelle scuole assumendosi l’incarico dell’insegnamento dell’educazione fisica dei giovani, e dell’organizzazione di iniziative.  Se oggi giorno si discute tanto di una scuola aperta a valorizzare le attitudini dei ragazzi, le loro peculiarità, diametralmente opposta era la scuola del ventennio, dove i giovanissimi balilla giuravano di non appartenere più a loro tessi ma al Duce e alla Rivoluzione Fascista.

“La mostra – commenta Elena D’Ambrosio, curatrice - vuole, in fondo, contribuire a esalta­re quella libertà dell’uomo che comincia difendendo i diritti del fanciullo in formazione, poiché la libertà nasce nelle aule delle scuole elementari, dove per la prima volta al bambino viene consegnato un libro. Quel libro deve essere corretto e leale, senza dottri­ne devianti e senza falsi scopi, aperto all’ottimismo, chiaro, semplice. Sarà poi la realtà della vita con tutte le sue asprezze a modulare il carattere d’ogni creatura a seconda di ciò che porta dentro, e non un’unifor­me o un canto di guerra”.

Chiunque non potesse partecipare all’inaugurazione, ma fosse interessato a visitare la mostra, questi sono i giorni e gli orari di apertura:
lun, mar, gio, ven 9.30-19;
mer 14-19;
sab 9.30-12.30 e 14-19; 
dom 10-12 e 15-18 con ingresso dall’esterno del Centro Verdi

FRANCA ANDREONI

 

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »