fake id california fake id online maker texas id best state for fake id fake id review illinois fake id fake id usa reddit fake id how to get a fake id how to get a fake id buy usa fake id buy fake id fake school id connecticut fake id cheap fake id best fake id fake id maker fake id god fake id website Fake id generator Fake id Fake id maker reddit fake id/ how to make fake id fake drivers license/ best fake id
cheap ray ban sunglasses outlet cheap oakley outlet sale cheap Ray Ban sunglasses online cheap Ray Ban sunglasses outlet uk Cheap Ray Bans Outlet cheap ray bans sale cheap ray ban glasses Ray ban sunglasses for cheap cheap ray ban sunglasses cheap ray ban glasses outlet cheap ray ban glasses cheap oakley sunglasses outlet Wholesale oakley sunglasses cheap oakley sunglasses online occhiali da sole ray ban clubmaster oakley Italia ray ban italia occhiali da sole ray ban outlet
calciofemminile

CALCIO FEMMINILE 21° EPISODIO
GOLEADE IN OPEN B, DOVE QUALCUNA SI AVVICINA SEMPRE PIU’ AL TITOLO

feb 21 • Calcio in rosa, Home, SportNessun commento

Mentre ci sono squadre che stanno ancora cercando una prima vittoria per incorniciare il loro 2016, c’è chi in Open B si avvicina a grandi falcate al titolo con una giornata in anticipo. Andiamo a vedere le grandi goleada di alcune squadre e la situazione difficile di altre.

FEDERAZIONE - SERIE C – 6° giornata di ritorno
Femminile tabiago – Speranza Agrate: 2 – 0
Ausonia – Academy Fanfulla: 1 – 0
Fiammamonza 10970 – Varedo: 6 – 0
Olimpia paitone  - Tradate Abbiate: 4 – 0
Pieve 010 – Cortefranca Calcio:3 – 2
Pro Lissone – Doverese: 0 – 1
Voghera – Riozzese: 0 – 7
Dreamers – Presezzo Femminile: 2 – 0
Pontese: riposa

La vittoria resta ancora lontana per la Speranza Agrate, che anche oggi esce dal campo senza punti. In u match che ha poco da raccontare, piuttosto lento e con poche emozioni, il vero sussulto lo da Ambrosoni aprendo un rigore a metà primo tempo. Ma il goal delle avversarie è nell’aria e arriva verso al fine della prima frazione, senza che l’Agrate mandi a referto grandi pericoli sotto porta. Con alcune ragazze non in perfetta forma, la Speranza prova a riaggiustare le cose, e con Spreafico va vicina al goal per due volte, ma l’attaccante conclude centralmente. Il resto del match è saldamente in mano alle avversarie, che controllano il gioco, dominano a centrocampo, e verso al fine del match trovano il raddoppio con un gran goal dalla distanza.

FEDERAZIONE – SERIE D – 2° giornata di andata
girone A (qui)
girone B:

Fulgor Segrate – San Zeno: 2 – 1
Nuova Frontiera – Villa Cortese: 2 – 3
Alto Verbano – Ossona: NP
Ceresium Bisustum – Vibe Ronchese: NP
Gropello San Giorgio – Besana Fortitudo: NP
Pro Novate – Cosio Valtellino:  NP

Continua bene la Fulgor Segrate il suo 2016. In casa arriva un’altra vittoria per 2 a 1 con un netto dominio sul campo. Passano in vantaggio le ragazze di Coach Zicolella, con una bella rete di Re, ma una prima e unica distrazione costa il pareggio per le ospiti. Ma oggi tutte le ragazze di Segrate sono al top della forma, e Leopolito si inventa un goal stupendo che chiude le ostilità sul 2 a 1: “Sono davvero contenta, ogni domenica si fanno passi avanti e oggi tutte sono state al massimo”. Così Carmen Zicolella al termine del match

“Bellissima partita, peccato perché siamo stati sfortunati su un unico episodio”. Commenta così coach Lampugnani la sconfitta delle sue ragazze per 3 a 2. Ad inizio partita il Nuova Frontiera parte sotto shock subendo due reti in pochissimo tempo. Il passivo fulmineo fa svegliare la squadra che cerca di reagire e con Gallo trova il 2 a 1, con un sinistro meraviglioso da fuori area che si infila nel sette. Nel secondo tempo la grinta delle calciatrici di Bellinzago non cede di un passo ed ecco che arriva anche il pareggio con Basciu che insacca di testa un bel cross. Proprio il terzino autore del pareggio, è anche da annotare tra le migliori in campo. Una volta trovato il pari, il pallino del gioco passa nelle mani delle ragazze di Lampugnani, che fanno girare palla, e non subiscono pericoli. A tre minuti dalla fine però, sono ancora le avversarie a trovare la rete all’improvviso con una bella girata dell’attaccante che trova il palo lontano.

C.S.I. - ECCELLENZA – 17° giornata di andata
Real Crescenzago – Polisportiva Carugate: 0 – 0
Settimo Calcio – San Giorgio Dergano: 5 – 3
Preso – OSM Veduggio: 4 – 0
La Traccia – OSG 2001: 4 – 0
Ausonia – Baranzatese: 4 – 2
Atletico Alveare – San Rocco: 3 – 0
Resurrezione  UP Settimo: rinviata

Un pareggio a reti inviolate si vede di rado sui campi del calcio a 7, ma può capitare se ci si mette un po’ di sfortuna e qualche errore sotto porta. E così, con una traversa e due goal facili facili sbagliati, la Polisportiva Carugate torna a casa senza punti dal campo di Crescenzago. Mister Caniglia ammette che l’approccio alla gara non è stato così determinato come nella giornata precedente, e commenta: “Forse ha giocato un ruolo il campo non ottimale e il fatto che l’avversario fosse sulla carta inferiore. Detto questo però, è un passo indietro sotto tutti gli aspetti. Dalla prossima settimana lavoreremo senza sosta per ottenere i risultati che ci siamo prefissati”.

C.S.I. – OPEN A – 16° giornata di andata
girone A
Speranza Agrate – Osl Sesto: 4 – 4

Polis Senago – San Marco OSF: 6 – 0
SLV – San Francesco Cesate: 6 – 3
Monet Xenia Sport – Desiano: rinviata
Real Cinisello: riposa

Arriva un pareggio beffa per la Speranza in casa contro l’ Osl Sesto. Le cose sembravano partire bene con l’ 1 a 0 messo a segno da Biffi, ma il pareggio e il vantaggio delle avversarie avevano fatto intendere che non avrebbe stato facile. Prima della fine del primo tempo, si assiste al pareggio di Gervasoni seguito subito dal nuovo vantaggio delle sestesi. un match complesso, che ad inizio ripresa viene sboccato ancora dalla giovanissima Borchi, classe 2000, che trova la rete del 3 a 3 momentaneo. La Speranza si sblocca allora, e con Gervasoni si riporta davanti. A questo punto il match sembra chiuso, e un palo e due traverse negano alle androne di casa di aumentare il proprio vantaggio. Goal sbagliato, e purtroppo goal subito, e così allo cadere, un tiro delle ragazze di Sesto si infila sotto al traversa e chiude le ostilità sul 4 a 4 definitivo.

girone B
Olimpia Riozzo – Asosc Melzo: 7 – 0
Oratorio Vittuone – Parona: 1 – 1
COC – SGB: rinviata 
Gio Sport – Pro Vigevano Suardese: rinviata
Wendy: riposa

Arrivava da una serie molto positiva l’Asosc Melzo, che contro le fortissime avversarie dell’ Olimpia Riozzo, cede però il passo, complice anche la sfortuna. Finisce con un passivo pesante per 7 a 0 la partita int rassegata per le ragazze di coach Cascione che già alla fine del primo tempo erano sotto per 3 a 0. In campo con 3 ragazze acciaccate, il Melzo prova a difendersi ma il risultato diventa largo nel secondo tempo, con altre 4 reti messe a segno dalle padrone di casa.

C.S.I. – OPEN B – 16° giornata di andata
girone A (qui)
girone B (qui)
girone E (qui)

girone C
San Nicolao Forlanini – Don Bosco Carugate: 3 – 7
ASD Arcobaleno – San Carlo Casoretto: 0 – 1

Sulbiatese – Hockey Cernusco: 3 – 13
Oratorio Bornago – Virtus Milano: 3 – 2
4 evangelisti – Vaprio Calcio: 1 – 1 

Era una partita determinante per il Don Bosco: vincere significava andare ad un passo dalla vittoria matematica in campionato, che potrebbe arrivare mercoledì prossimo. Le ragazze di coach Casanova sono scese in campo grintose e con la voglia di portare a casa subito il match. Dopo cinque minuti e una serie di azioni pericolose, ecco che Stirati trova l’angolino basso lontano con un perfetto destro, e non passano tre minuti che la storia si ripete con Magni, sempre dalla destra con un tocco a spiazzare il portiere dopo aver ricevuto palla da Stirati al termine di un’azione splendida partita da Lamperti. Le ragazze di Carugate sono in palla e iniziano un monologo che alla fine del primo tempo manda a referto un secco 5 a 0. Vanno infatti a segno Lamperti con un destro meraviglioso da posizione decentrata, e ancora Stirati, due volte, prima con un sinistro potente e poi con una deviazione di testa. La partita sembra ormai chiusa e con pochissimo da dire. Casanova fa diversi cambi ma la sostanza non cambia di molto, anche se le padrone di casa si affacciano più spesso in area avversaria. Con un’altra bella azione, Magni lancia Canevari, che intelligentemente serve al centro una palla comoda per Ghidotti, che resta fredda davanti alla porta e infila la rete del 6 a 0 nell’angolino. A questo punto, comprensibilmente, e il Don Bosco molla un attimo la pressione e arrivano tre goal delle avversarie, tutte a firma del numero 9, la migliore delle sue. Prima della fine c’è gloria anche per Varisco, che dopo un’azione personale scaraventa sotto il sette un potente destro che chiude i conti sul 7 a 3. Mercoledì contro la Sulbiatese potrebbe arrivare la vittoria del campionato con una giornata di anticipo.

La sblocca subito il Bornago in casa contro le temute avversarie della Virtus. Dopo 5 minuti infatti, l’asse Gerosa – Gironi si conferma una certezza: la prima pesca bene la seconda in area, e questa una volta girata batte il portiere avversario. In un campo silenzioso dove si respira concentrazione, le milanesi trovano subito la rete del pari direttamente da calcio d’angolo con una prodezza balistica. Il 2 a 1 è però nell’aria e arriva col brivido: Gerosa prende palla, dribbla in mezzo a due e sgancia un tiro che si stampa sulla traversa e ricade in rete. Poco prima della fine del primo tempo, la Virtus deve fare i conti con Pastori, che tra i pali vola per togliere dalla porta il goal del pari dopo una meravigliosa rovesciata dell’attaccante avversario. La ripresa però conferma la voglia delle milanesi di riportarsi in gara, e dopo cinque minuti arriva il pareggio: lancio a tagliare da destra a sinistra il campo, e attaccante che anticipa il portiere e tocca la palla quel poco che basta per farla rotolare lentamente in porta. Da questo punto la partita è una lotta, con le squadre che non vogliono prendere il goal beffa nel finale. Ma Gerosa, in splendida forma, sfrutta il filtrante di Gurrado, incontenibile sulla fascia, e insacca sotto la traversa il goal vittoria.

Due partite in pochi giorni per la squadra di coach Bibaj, e due volti diversi dell’ Arcobaleno di Cassina. Il recupero contro porta ad una sofferta vittoria per 2 a 1, mentre la partita di giornata contro il Casoretto, racconta di una sconfitta per 1 a 0 su campo casalingo. La partita racconta di un Arcobaleno in forma splendida, con un dominio quasi totale del match, e che paga un errore in difesa nel primo tempo. Per il resto, le avversarie non sono pervenute, mentre invece le ragazze di Cassina si sono date un gran da fare con numerose azioni da goal, molti tiri, tanti pericoli e un incredibile doppio palo colpito su punizione da Pensante. Torzillo e De Luca ci provano da ogni punto del campo ma purtroppo l’errore in difesa non viene riparato in attacco, e resta l’amaro per un match che avrebbe meritato un esito diverso, quanto meno il pareggio.

Difficile fare la cronaca di un match terminato 13 a 3. E’ quello che si legge a referto dopo la gara dell’ Hockey Cernusco contro la Sulbiatese in trasferta, dove vanno a segno Brambilla, Cavaglieri, Sorgonà (doppietta), Vecera (doppietta), Canavese (doppiette) e Samba (cinque goal per lei). Il dominio delle ragazze di Furlin è totale, ma le avversarie trovano comunque la porta per tre volte, e una rete va notata per la pregevole azione personale dell’attaccante che conclude a rete con uno splendido tiro.

girone D
Aso Cernusco Rosa – Apo Vedano: 0 – 3

Nuova Amatese – Misinto B: 4 – 0
Resurrezione B – San Carlo Muggiò: 5 – 0
ESC Femminile – Circolo Acli Lambrate: 1 – 1
SGB Desio: riposa

Si svuota l’infermeria di Cernusco, ma l’Aso non riesce a colpire nel segno. Contro il Vedano, la formazione di casa esce sconfitta per 3 a 0. “Manca ancora un gradino per arrivare ad un livello competitivo, stiamo facendo fatica per raggiungerlo ma non molliamo”, ha spiegato coach Canzi. Si lotta dunque, anche se il morale è un po’ da recuperare dopo la sconfitta di oggi. Nel primo tempo le ragazze non riescono ad aggredire le avversarie e chiudono la prima frazione sotto di una rete, con tutto ancora da giocarsi. Nel secondo tempo però, il due e il tre a zero arrivano uno in fila all’altro, e chiudono ogni speranza e reazione dell’ Aso, che poco prima aveva creato e sbagliato due azioni limpidissime da rete. “Costruiamo poco e tiriamo poco quindi -ha concluso coach Canzi- abbiamo ancora un po’ troppe paure”. Ottima la prova dei portieri cernuschesi e di qualche individualità in netta crescita. 

 

Per tutte le classifiche e i risultati della Lady Cup, visitare il sito Azzurragirls,
nostro partner per questa rubrica di calcio femminile.

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »