fake id california fake id online maker texas id best state for fake id fake id review illinois fake id fake id usa reddit fake id how to get a fake id how to get a fake id buy usa fake id buy fake id fake school id connecticut fake id cheap fake id best fake id fake id maker fake id god fake id website Fake id generator Fake id Fake id maker reddit fake id/ how to make fake id fake drivers license/ best fake id
cheap ray ban sunglasses outlet cheap oakley outlet sale cheap Ray Ban sunglasses online cheap Ray Ban sunglasses outlet uk Cheap Ray Bans Outlet cheap ray bans sale cheap ray ban glasses Ray ban sunglasses for cheap cheap ray ban sunglasses cheap ray ban glasses outlet cheap ray ban glasses cheap oakley sunglasses outlet Wholesale oakley sunglasses cheap oakley sunglasses online occhiali da sole ray ban clubmaster oakley Italia ray ban italia occhiali da sole ray ban outlet
raccontigastronomici

ECCO DOVE PRENDERE L’ISPIRAZIONE ULTIMA PER SCRIVERE UN RACCONTO SUL CIBO

ago 29 • CIB-ARTENessun commento

Siamo all’ultima puntata della rubrica che voleva avvicinare tra loro il mondo della letteratura e dell’arte, con il gustoso mondo del cibo. Questa rubrica è nata sotto l’ala del concorso letterario nazionale liberi di scrivere, quest’anno incentrato sul cibo, e ha voluto in questo mese offrire spunti per tutti coloro che sono interessati a parteciparvi inviando il proprio racconto.

Chiudiamo consigliando un libro che è un vero e proprio pozzo d’ispirazioni letterarie – culinarie. Dove trarre spunto se non dai più grandi scrittori ? Devono averlo pensato anche Laura Grandi e Stefano Tettamanti, curatori dell’opera “Racconti gastronomici” edita da Einaudi. Il volume raccoglie ben 39 racconti gustosissimi, firmati da alcuni dei più importanti autori del panorama letterario del passato e non: Aldo Buzzi, Roald Dahl ma anche David Foster Wallace, Murakami Haruki, Checov, Hemingway, Stefano Benni, Dario Fo, Boccaccio, Dino Buzzati, John Fante e tantissimi altri.

«Mai come oggi si è parlato tanto di cibo. Non esiste mezzo di comunicazione (di massa e anche meno) che non apparecchi il suo angolino del gusto (…) La letteratura, comunque, ha preceduto tutti. Non solo perché è essa stessa nutrimento (della mente, dell’anima e del corpo) ma perché da millenni gli scrittori di romanzi e di racconti non smettono di dar da mangiare e da bere ai loro personaggi (…) Gli scrittori nutrono i loro personaggi d’invenzione perché questi nutrano i lettori reali, in polpa, ossicini e nervetti».

Questo si legge in una breve presentazione del volume pubblicata online da Einaudi, che non manca di incuriosire i futuri lettori con dettagli sulle delizie raccolte nel libro, piacevoli al gusto letterario e irresistibili al palato. Citiamo:

Gli scrittori presenti in questa antologia parlano di cibo nelle maniere più diverse. C’è chi come Roald Dahl ci illumina sull’imprevedibile utilità di un cosciotto d’agnello quando finisce un matrimonio. Chi, come David Sedaris, commenta con arguzia irresistibile la sparizione dei ristoranti «normali» a New York, città in cui si serve «il pesce crudo annegato nel cioccolato ». Chi, come Guy de Maupassant, racconta di un giovane italiano che su un treno per la Francia sazia la sua fame grazie a una puerpera. Chi, come Katherine Mansfield, descrive l’infrangersi dell’innocenza di una ragazzina subito dopo un delizioso party in giardino. O chi, come Piero Chiara, nell’invenzione del «fungotrifola » condensa mirabilmente la forza immaginifica della scrittura”.

Insomma, per mettersi all’opera e partorire un delizioso racconto per il concorso nazionale di scrittura “Liberi di Scrivere”, immergetevi nelle delizie della tavola e della letteratura, non potrete che trarne fonti d’ispirazioni infinite per il vostro manoscritto, e qualche dritta culinaria per la vostra quotidianità.

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »